Milan:

Donnarumma 5: Prima è strepitoso quando nega il gol a Florenzi, poi sbaglia intervento e favorisce il romanista nel gol che chiude la gara.

​Musacchio 6: Morde alle caviglie degli attaccanti avversari, viene saltato di rado. 

​Bonucci 6: Fa a sportellate con Dzeko e ne esce spesso vincitore. Gara positiva nonostante il risultato.

Romagnoli 5,5: Meno sicuro dei compagni di reparto, specie quando viene preso in velocità da Florenzi.

​Rodriguez 6,5: Tra i più positivi, i suoi cross invitanti non trovano il tempismo delle punte per tramutarli in rete.

Calhanoglu 5: Potrebbe armare il destro in un paio di occasioni ma le spreca malamente.  Non ripaga la fiducia di Montella, si fa espellere nel finale per doppia ammonizione.

Biglia 6: Tocca una miriade di palloni, ma non è sempre lucido. Bene quando cerca di alzare il pressing.

​Kessie 5,5: E' molto stanco e si vede sopratutto nelle conclusioni sballate. Non determina come a inizio stagione.

Borini 6,5: Stantuffo instancabile, annulla El Shaarawy e si propone con continuità anche in attacco. (Dall'83 Bonaventura s.v)

Andrè Silva 6,5: Primo tempo di grande sacrificio nel cercare le sponde per i compagni, nel secondo le azioni più pericolose passano tutte dai suoi piedi. Ha classe e si vede.

Kalinic 5: Manolas lo sovrasta nel gioco aereo, fallisce una ghiotta occasione da gol che poteva cambiare il corso della partita (Dal 78’ Cutrone s.v)

All. Montella 5,5: Il suo Milan gioca una buona gara ma viene punito dalla Roma, sbaglia nel lasciare in campo Calhanoglu.
 
Roma

Allison 7: La parata, strepitosa, su Bonucci vale quasi come un gol fatto.

Kolarov 6: Non perde la posizione sulle scorribande di Borini, la solità qualità in fase di spinta e costruzione dell'azione.

Fazio 7: Un muro su cui spesso vanno a sbattere Kalinic e Silva, non sbaglia nulla.

Manolas 6,5: Vince nettamente il duello con Kalinic.

Peres 6: Parte male, con diverse imprecisioni in fase di uscita. Sale con il passare dei minuti, diventando una spina per la difesa rossonera. 

Strootman 6: Ingaggia un duello tutto fisico con Kessie, va vicino al gol su un regalo di Donnarumma. Costretto a lasciare il campo per un scontro fortuito con Fazio. (Dal 29’ Pellegrini 6,5: Entra con la giusta determinazione, è l'autore dell'unico tiro in porta della Roma nel primo tempo. Suo il passaggio per Dezko in occasione del gol)

De Rossi 7: Prestazione da direttore d'orchestra: gestisce bene il possesso palla e fa da schermo difensivo. Leader indiscusso.

Nainggolan 6,5: Soffre il duello con Kessie, poi l'ivoriano cala e lui sale in cattedra determinando nel finale con i suoi inserimenti.

El Shaarawy 5: Impalpabile per tutto il corso della gara. (Dal 77’ Gerson s.v)

​Dzeko 6,5: Segna sempre, anche nelle gare meno brillanti. Fa la differenza in positivo, cosa che gli riesce da almeno 14 mesi.

​Florenzi 6,5: Schierato nel tridente, ci mette cuore e polmoni. Non si butta giù quando sbaglia un gol facile, lo trova pochi minuti dopo.

All. Di Francesco 6,5: La Roma c'è e il merito è anche delle idee precise del suo allenatore.