Adriano Galliani, ex amministratore delegato del Milan, ha paralato del suo passato rossonero a La7: "La partita più sofferta? Sicuramente la finale di Champions ad Atene contro il Liverpool. Era il 2007, vinciamo 2 a 0 , il Liverpool fa un goal e noi rischiamo il pareggio negli ultimi minuti e pensavo che fosse il remake di due anni prima a Istanbul. Il calciatore milanista più forte? Non ho dubbi, è Marco van Basten".

DA BARBARA A GATTUSO - Galliani ha poi continuato: "Il rapporto con Barbara Berlusconi? È stato difficile, non posso mentire. Gattuso? L'ho chiuso veramente dentro la sala trofei. Voleva andare via per eccesso di amore verso il Milan, non riusciva a superare il dolore della sconfitta di Istanbul e pensava che andando via, non indossando più quella maglia, il dolore sarebbe passato prima che giocando con la maglia rossonera. In quel periodo ho sofferto anch'io e non ho dormito per mesi. Ho detto a Rino: 'Vedrai che un giorno capiterà che avremo la rivincita e vinceremo la Champions. Magari, con lo stesso Liverpool'".