Fra meno di un mese si riaprirà il calciomercato e, come è ormai da abitudine, l'asse Torino-Milan torna a farsi caldo. In ogni sessione di mercato i dirigenti granata e quelli rossoneri si incontrano, si parlano, trattano possibili affari ma raramente arrivano a concludere realmente l'acquisto di qualche giocatore. L'ultimo calciatore a finire al centro dei discorsi di Cairo e Petrachi con Mirabelli e Fassone è stato l'attaccante Patrick Cutrone, giocatore a cui i dirigenti granata hanno pensato per sostituire il partente Umar Sadiq. Più passano i giorni, più sembra però improbabile che il numero 63 del Milan possa vestire la maglia del Torino nel prossimo futuro.

Quella di Cutrone rischia quindi di essere l'ennesima trattativa tra Torino e Milan che non va a buon fine. Una collezione, questa, che nel corso dell'ultima estate è stata arricchita da Andrea Belotti (giocatore che è però ancora nel mirino dei rossoneri e le trattative proseguiranno nei prossimi mesi), Juraj Kucka, Gabriel Paletta e Cristian Zapata. L'unico affare che negli scorsi mesi si è concretizzato è quello del passaggio di M'Baye Niang dal Milan al Torino: un'operazione da 15 milioni di euro complessivi che, al momento, si sta rivelando un affare solamente per la società rossonera.