Niente di quello che dice passa inosservato, soprattutto quando inventa nuovi modi (geniali o irritanti, a seconda dei punti di vista) per esprimere il suo disappunto verso gli arbitri. José Mourinho stavolta si è superato, almeno a giudicare dalle ricadute lontano dai campi di Premier: sabato pomeriggio lo Special One ha commentato l’1-1 del Chelsea con il Burnley elencando quattro numeri (30, 33, 43, 69), i minuti a suo dire decisivi per il mezzo flop dei Blues. Uno spunto irresistibile per i “nerd” del gioco del Lotto, per vocazione sempre alla ricerca di nuovi spunti per le loro giocate. L’estro polemico di Mou ha spopolato nelle ricevitorie napoletane, posti dove la creatività trova terreno fertilissimo: nella serata di sabato - riferisce Agipronews -  poco dopo la conclusione della partita, sono arrivate le prime puntate sulla quaterna di Mou. “I primi sono arrivati nel tardo pomeriggio, a un’ora e mezza dalla chiusura delle giocate - ci spiega Vincenzo Riccio, che da anni lavora in una ricevitoria del Vomero - Da ieri mattina il traffico dei ‘mouriniani’ è ripreso, ci aspettiamo che cresca fino all’estrazione di domani sera”. La quaterna viene giocata per lo più sulla ruota di Napoli, “ma qualcuno ha puntato anche su quella di Milano la città dove Mourinho con l’Inter ha vissuto i migliori momenti della sua carriera”. Come se non bastasse, è stato improvvisata una mini lista ispirata dalla Smorfia dalla quale trarre ulteriori spunti. Mourinho ha contestato i falli su Ivanovic e Matic al 30’ e al 69’ e i tocchi di mano di Kightly al 33’ e di Shackell al 43’: “Il fallo può essere associato alla ‘colpa’, quindi al 78, la polemica di Mourinho alla ‘zizzania’ e al 9 - continua Riccio - per la mano c’è il 5, l’errore dell’arbitro va con il 38”.