Se ne va in Cina il presidente del Napoli. Non certo per svago. Ma per affari naturalmente. Che riguardano il suo primo amore ma anche il secondo. Vola in Oriente il patron per l’organizzazione di un festival del cinema e per diffondere il marchio Napoli il più possibile. D’altronde il calcio italiano è molto noto da quelle parti considerato che sono stati presi dei calciatori provenienti dal Belpaese. Proprio per questo motivo sarebbe il caso di avvicinare il Napoli ai milioni di appassionati con gli occhi a mandorla di calcio. Intanto in Italia già impazzano le polemiche arbitrali, col suo allenatore che invoca l'intervento la società. Per ora De Laurentiis ha altri pensieri: bisogna aumentare il fatturato per essere al passo delle altre big, poi sicuramente dirà la sua sul tema di queste ore.

E per farlo ci vuole un marketing molto più competitivo che entri anche nel mercato orientale. Con il presidente c'è anche Serena Salvione, la manager campana diventata famosa per essere stata scelta per pubblicizzare il marchio Nba nel mondo. Ha lavorato anche con la Juventus. De Laurentiis e la Salvione dovranno capire le potenzialità del brand Napoli in Cina. E anche in India. Dopo aver parlato di Cinema a Xi'An, poi si è trasferito ad Hang Zhou, praticamente dove si è tenuto il G20 qualche tempo fa. Quella sarà la base per poter poi girare per le zone più ricche orientali. Lì dove si investe molto per il calcio pagando fior di milioni i big che accettano di disputare la Super League.