Sono stati i padroni di casa della Francia ad aprire la domenica dei tre ottavi di finale di Euro 2016, battendo per 2-1 in rimonta l'Irlanda: non un pomeriggio facile per i ragazzi di Deschamps, che dopo aver superato la fase a gironi al primo posto nel Gruppo A con 7 punti, ottenendo due vittorie ed un pareggio senza mai convincere, per più di un'ora sono stati fuori dall'Europeo di casa. Merito della solita stoica ed orgogliosa Repubblica d'Irlanda, che allo Stade de Lyon si porta subito, al 2', sull'1-0, grazie al rigore di Brady (già in gol contro l'Italia), dopo un inutile fallo di Pogba su Long (terzo rigore procurato da una calciatore della Juve, dopo quelli di Evra e Lichtsteiner). Seconda rete più veloce di sempre nella storia dell'Europeo, dopo quella di Dmitri Kirichenko nel 2004. La squadra guidata da Martin O’Neill resiste fino al 58', quando è costretta a capitolare di fronte ad uno splendido colpo di testa di Griezmann, il più basso in campo, su assist di Sagna. Proprio lo spostamento dell'attaccante dell'Atletico Madrid, messo nell'intervallo più vicino a Giroud da Deschamps, cambia la partita: al 61' arriva il raddoppio, realizzato ancora da Le Petit Diable (terzo gol ad Euro 2016), su assist di testa della punta dell'Arsenal. Scacciati gli incubi, dopo un primo tempo disastroso e i fischi dell'intervallo. Per i Boys in Green, annicchiliti dal terribile uno-due, la partita termina al 66', quando il difensore Duffy commette un fallo da ultimo uomo fuori area ancora su Griezmann, lanciato a rete, e rimedia un cartellino rosso. Non riesce dunque ai ragazzi irlandesi la vendetta della celebre eliminazione ai play-off dei Mondiali 2010, per un colpo di mano di Henry. Note dolenti per Deschamps, le ammonizioni di Rami e Kanté, che essendo diffidati salteranno i quarti di finale, contro la vincente di Inghilterra-Islanda. Con oggi 16 partite disputate tra Francia e Irlanda, con 7 vittorie francesi, 4 vittorie irlandesi e 5 pareggi. Ultima vittoria irlandese nel 1981.