10 Oliver Kragl: impatto devastante con la Serie B per il tedesco del Foggia, arrivato a gennaio dal Crotone. 4 presenze, 1 assist e 2 gol. E che gol! Due schiaffi tremendi da 30 metri, contro l'Entella prima e il Palermo poi. Il Foggia è rinato, e le fortune di Stroppa (voto 8) passano anche dai piedi del classe '90. 

9 George Puscas: 4 gol in 2 partite, una devastante tripletta contro il Cittadella. In prestito dall'Inter, il romeno può svoltare la stagione del Novara. 

8 Mathieu Duhamel: 9 minuti nella prima con l'Avellino, 15 contro il Palermo, dove segna il suo primo gol in Italia. 33 anni, numero 10 sulle spalle, ha avuto un impatto positivo anche il centravanti di Mont-Saint-Aignan. E Stroppa lo ha paragonato a Dario Hubner. 

7 Gaston Brugman: in un Pescara spesso insufficiente, c'è chi galleggia sempre sopra il 6. Ed è il caso del capitano degli abruzzesi: decisivo, su punizione, nell'ostica gara contro la Salernitana. E fanno 6 gol in stagione. E' lui il faro della squadra di Zeman, è lui che può accendere la luce per non perdere il treno playoff. 

6 Libor Kozak: finalmente! Alla Lazio fece vedere grandi cose, in Inghilterra si è perso. Ora, al Bari, trova la prima gioia da quando è tornato in Italia. Gol decisivo, e pesante, contro il Frosinone. Grosso lo schiera nella partita in cui si gioca tutto, il ceco ripaga con la rete della vittoria. 

5 Frosinone: per una volta, insufficiente. Ci sta, dopo 15 risultati utili consecutivi. Un piccolo passo falso che, comunque, non crea complicazioni: l'Empoli raggiunge i ciociari in vetta, ma il Palermo rimane sempre dietro. 

4 Avellino: al 90esimo il gol di Moretti, su rigore, che sembra regalare la vittoria. Poi, al 96esimo, la rete di Cacia che gela gli animi. Due punti buttati al vento e una vittoria che non sembra arrivare più.  

3 Massimo Cellino: "O rispetta le mie direttive o sarò costretto a fare scelte drastiche" le parole dopo il pareggio in trasferta con la Pro Vercelli. Parole che, sicuramente, non facilitano il lavoro a mister Boscaglia, richiamato dal patron bresciano il 16 gennaio dopo l'esonero di Marino.

2 Parma: mercato da re, prestazioni da fischi. Una sola vittoria nelle ultime 8, la Belva Ceravolo che salva, dal dischetto, i suoi compagni nel pareggio casalingo con il Perugia. La A diretta dista 9 punti: tanti ma non troppi. Serve, però, una sterzata. 

1 Ternana: la musica non cambia. Secondo ko consecutivo per le Fere con Mariani in panchina. "Ho trovato una squadra morta" le sue parole la scorsa settimana. Forse, però, è meglio concentrarsi sul presente che attaccare il passato. 

0 Igor Coronado: più e più volte lo si è elogiato. Qualità, fantasia, il numero 10 sulle spalle, la chiave per scardinare la resistenza degli avversari. Ieri, però, il trequartista del Palermo, 4  minuti dopo l'1-0, si è fatto espellere. Entratataccia su Gerbo, rosso diretto, rosanero in 10 e ko maturato nei minuti finali. 

@AngeTaglieri88