La Roma Primavera vince, convince e alza al cielo l'ennesimo trofeo delle ultime stagioni. La formazione allenata da Alberto De Rossi ha alzato al cielo la Coppa Italia di categoria battendo l'Entella nel doppio confronto delle finali. Dopo l'1-1 ottenuto a Chiavari i giallorossi si sono imposti per 2-0 nel ritorno disputato all'Olimpico e dopo lo Scudetto 2015/16 e la Supercoppa Italiana di inizio stagione hanno regalato al presidente James Pallotta il terzo titolo assoluto della sua gestione.

FORMARE GIOCATORI PER LA PRIMA SQUADRA -  Un trofeo importante e che certifica ancora una volta l'ottimo lavoro svolto da Alberto De Rossi che ormai da oltre 10 anni guida la formazione Primavera giallorossa. Un De Rossi che, alla vigilia della finale di ritorno ha però precisato come: "Teniamo tantissimo a questa manifestazione perchè c'è un trofeo in palio, ma l'obiettivo primario del mio lavoro è quello di far crescere i ragazzi e collocarne qualcuno in prima squadra".

IL TESORETTO DI MONCHI - Già, la prima squadra che si appresta a riaccogliere a fine anno Lorenzo Pellegrini (classe '96 e cresciuto proprio nelle giovanili del club), è un obiettivo alla portata di tanti dei protagonisti di questa magica annata. Il futuro ds Monchi in estate dovrà fare di necessità virtù e proprio dall'attuale Primavera potrà attingere a piene mani sia per rinforzare l'organico della prima squadra, sia per agevolare altre trattative di mercato.

CHI E' GIA' PRONTO? - Pellegrini, ma anche Politano, Mazzitelli, Ricci, Barba sono tutti quei giocatori che da Roma hanno preso il volo verso il calcio dei grandi. Ma di questa magica nidiata dei classe '97, '98 e '99 chi è pronto per seguire le loro orme? Sicuramente uno dei candidati a rimanere a trigoria per completare la rosa della prima squadra c'è il capitano-goleador Riccardo Marchizza, difensore classe '98 e rigorista designato. I guantoni di Lorenzo Crisanto, anche lui classe '98, sono stati importanti per la vittoria del trofeo così come lo sono stati i gol del tridente composto dal velocissimo Keba Coly ('98) e dal duo Tumminello ('98)-Soleri ('97). Ragazzi dalle grandi prospettive, che hanno già ricevuto apprezzamenti da tantissime società e che, sicuramente, faranno la fortuna (in un modo o nell'altro) della Roma.