È bufera a Roma dopo l'annuncio di ieri di una nuova partnership commerciale tra la società giallorossa e Uber, la multinazionale per i servizi di trasporto privato che opera attraverso un'app e già al centro di diverse polemiche in tutto il mondo. Il club del presidente James Pallotta ha previsto un'offerta per i propri tifosi: chi prenoterà una corsa con Uber in occasione delle partite giocate in casa otterrà uno sconto del 20% per corse da e per lo stadio. 

TAXI IN PROTESTA - Una scelta che ha fatto infuriare i tassisti, che hanno inondato di telefonate le radio della capitale, minacciando anche una manifestazione di protesta in occasione del derby di domani pomeriggio, alle 18. A queste polemiche la Roma ha risposto con un messaggio all'Ansa, in cui ha chiarito che "nell'ambito delle iniziative volte a facilitare l'accesso e il deflusso allo Stadio Olimpico da parte dei propri tifosi, ha avuto da settimane contatti con diverse compagnie pubbliche e private, al fine di identificare e offrire i servizi più idonei a favorire la fruizione dell'evento sportivo. La partnership con Uber è la prima arrivata a conclusione e non in via esclusiva. La società si augura di stringere a breve ulteriori collaborazioni allo stesso scopo".