'Il campionato è livellato verso il basso, perché chi deve cercare di salvarsi è raccolto in pochi punti, e ci sono tantissime squadre coinvolte. La Juventus fatica a vincere a Bologna e anche altre big devono superare scogli non previsti. La Lazio merita il primato, ma ha trovato anche un po' di fortuna. Di contro la Roma è la delusione delle prime giornate, perché per i valori tecnici che ha non ha espresso quasi per niente tutto il proprio potenziale. Mihajlovic non aveva un compito semplice dopo Prandelli, perché se quest'ultimo è arrivato in Nazionale, vuol dire che era un valore aggiunto straordinario'. Silvio Baldini, tecnico al momento fuori dal giro di club professionistici, intervenendo ai microfoni di Radio Toscana commenta con queste parole l'inizio di un torneo che ha visto, fra le altre, la Fiorentina faticare ad uscire dalle zone basse della classifica.

'Il tecnico serbo ha dovuto anche privarsi di Mutu e Jovetic, ma ho fiducia in lui, perché ha temperamento e grande capacità di far esprimere al meglio, anche sul piano del gioco, le sue squadre - ha aggiunto il 52enne massese -. Serve la componente fortuna, come già sottolineato perché se solo due punti in più fossero stati presi in queste prime giornate, per la Fiorentina si starebbe tracciando un altro bilancio. L'Empoli? Ha onorato la Coppa Italia e credo ci sia tantissima voglia di tornare in serie A, valorizzando il suo straordinario parco giovani, mai come quest'anno di primissimo livello. Io ho voglia di tornare ad allenare ma solo in società solide, con obiettivi determinati, e laddove ci sia positività nell'ambiente. Preferisco rinunciare a chance che mi sono state offerte di recente: il calcio per me è salute, voglio viverlo da protagonista solo se mi appassiona e mi coinvolge fino in fondo'.