Va alla Roma il terzo anticipo della quarta giornata di Serie A. Il club giallorosso domina per tutti i 90 minuti e si impone con un rotondo 3-0 sul Verona sempre più in crisi nera. Alla formazione allenata da Eusebio Di Francesco basta il gol di Nainggolan a cui segue la doppietta di Dzeko per tornare alla vittoria e recuperare punti (con una partita in meno dopo il rinvio di Sampdoria-Roma di settimana scorsa) sull’Inter capolista.
 
La Roma parte subito forte nonostante le scelte a sorpresa di Di Francesco che lascia a riposo i vari Strootman, Defrel e Perotti lanciando dal primo minuto El Shaarawy, Pellegrini e il baby Under. La pioggia appesantisce il campo, ma a giovarne è proprio la formazione giallorossa che palla a terra buca una difesa del Verona assolutamente impreparata al 22’ quando proprio El Shaarawy mette Nainggolan davanti a Nicolas per l’1-0.
 
Gli uomini di Di Francesco prendono campo, e iniziano ad innescare con costanza Edin Dzeko. Al 34’ è il rientrante Florenzi a bersi in dribbling Souprayen in fascia e trovare un cross al bacio per la testa di Dzeko che batte Nicolas per il 2-0. Dzeko, El Shaarawy e lo stesso Under hanno altre chance per dilagare ma alla fine è proprio l’attaccante bosniaco a trovare, su assist di Kolarov il 3-0 che chiude i conti.
 
L’espulsione per doppio giallo di Souprayen e il gol annullato per giusto fuorigioco a Pazzini sono i brividi finali di una gara che regala a Di Francesco non solo i tre punti, ma anche la gioia di aver rivisto in campo un positivo Florenzi e un recuperato Patrick Schick, subentrato nel finale e subito propositivo. Per il Verona e per Pecchia è invece notte fonda. Un punto in quattro partite e 11 gol subiti con una fase difensiva praticamente inesistente. La panchina del tencico di Formia è ora ufficialmente a rischio.