Come se non bastassero i soventi cali di concentrazioni e i risultati spesso al di sotto delle aspettative, in casa Torino è sorto ieri un altro grande problema da risolvere: come sostituire (il numero esatto di match in cui non sarà a disposizione lo si scoprirà solo dopo i nuovi esami) nelle prossime partite Andrea Belotti? Il mercato di riparazione è alle porte e nel caso in cui l'infortunio si rivelasse più grave del previsto al Torino servirà e un attaccante di qualità in grado di non far pesare l'assenza del Gallo. È noto che a gennaio è difficile per ogni squadra mettere a segno dei grandi colpi, i giocatori che cambiano casacca sono più che altro quelli che non trovano spazio nell'attuale club, tra questi ce n'è però uno che potrebbe fare proprio al caso del Torino: André Silva.

Il portoghese non è certo un titolare inamovibile del Milan, il suo rendimento fino a questo momento è stato ben al di sotto delle aspettative e la stagione negativa che sta vivendo l'intera squadra non lo sta aiutando ad uscire dal tunnel in cui è entrato. Cambiare aria, anche se solo temporaneamente per sei mesi, potrebbe essere la soluzione giusta per far rinascere André Silva. E allora il Torino farebbe bene a provare ad imbastire una trattativa: il portoghese potrebbe essere il giocatore giusto per sostituire Belotti nel caso l'infortunio dovesse essere più grave del previsto o comunque, anche se il problema al ginocchio dovesse essere di lieve entità, sarebbe comunque l'ideale per far rifiatare nel proseguio del campionato il Gallo.

Al momento, viste le difficoltà nell'arrivare a Ilija Nestorovski del Palermo e a Diego Falcinelli del Sassuolo, il candidato numero uno ad arrivare al Torino per rinforzare il reparto offensivo è Giampaolo Pazzini del Verona. Sinisa Mihajlovic avrebbe però bisogno di giocatore di bel altra caratura tecnica per poter cercare di guidare la propria squadra alla qualificazione all'Europa League. Uno proprio come André Silva insomma.