Come intervenire in prospettiva - di Devilelvis 
Il problema del Milan è la qualità media della rosa. I buoni giocatori ci sono, ma troppi ancora sono i calciatori che ne abbassano la media. Per creare una squadra guardando al futuro, bisogna innanzitutto aumentare la qualità media della rosa e questo impone il taglio di quei giocatori non all'altezza, da effettuarsi tra gennaio e fine anno, e l'inserimento di giocatori dalle capacità superiori. Il mercato di gennaio ci dirà se la società, dopo anni di errori e assenza di pianificazione, finalmente punterà su un progetto serio. In difesa, uno dei centrali andrà via tra Mexes e Zapata e a quanto pare Ely sarà dato in prestito. Nocerino deve essere liberato, Honda e Poli ceduti, così come Mauri e Suso dati in prestito. Vendendo Zapata, Honda e Poli, sicuramente si ricaverebbero un pò di risorse per intervenire sul mercato. Inoltre il risparmio ingaggi sarebbe davvero notevole. In difesa un solo innesto basterebbe per quest'anno, ma di un certo valore (io penso sempre a Matip in scadenza di contratto, giovane, piede destro, imponente fisicamente...). Romagnoli, Alex, Matip e Mexes bastano per quest'anno. Il prossimo anno Alex via (2,5 mln il suo ingaggio) e rientra Paletta, che sta facendo bene con l'Atalanta e che quest'anno penso avrebbe potuto giocare con Romagnoli da titolare. A gennaio si dovrebbe Sostituire Mexes, tenendo conto dei rientri di Ely (che a me piace molto in prospettiva) e di quel Vergara che anche sta facendo molto bene in serie B. A centrocampo rimango dell'idea che ceduti Honda e Poli per monetizzare, via Nocerino (1,9 mln d'ingaggio), Suso e Mauri in prestito, con l'ormai certo inserimento di Boateng che prenderebbe il posto di Honda, a gennaio basterebbe anche solo Witsel, che andrebbe ad aumentare sensibilmente il livello qualitativo della rosa. Servirebbe ancora un esterno destro (non so quanto Boateng possa far bene in quel ruolo). Per quel ruolo, però, tenterei qualche colpo in prestito con diritto di riscatto tra i vari scontenti in giro per tutta Europa (Feghouli per esempio)... ma il nome di Candreva, sentito in questi giorni, a me piace di più. Per gennaio quindi: Zapata, Honda e Poli ceduti, Nocerino liberato, Ely, Suso e Mauri in prestito e dentro Matip, Witsel e Candreva (spesa alta, è vero, però Matip in scadenza non ci costerebbe più di Ranocchia, Witsel prestito oneroso e Candreva anche in prestito oneroso con diritto di riscatto). Per fine stagione, via definitivamente Abate, Mexes, DeJong, Cerci (a meno di un acquisto a zero e di uno stipendio ribassato rispetto all'attuale). Montolivo confermato ma con stipendio più che dimezzato. A questo punto (tenendo conto degli innesti di gennaio), servirebbe un terzino destro bravo (magari Van der Wiel in scadenza col PSG), un'ala destra importante e quel Sensi che in prospettiva mi intriga. Nel 2016 avremmo: Donnarumma, Gabriel, Lopez (o un sostituto). Centrali Romagnoli, Matip, Paletta, Ely e un quinto (Vergara o un altro acquisto). Terzini Calabria, Antonelli, Van der Wiel e De Sciglio. A centrocampo come centrali Montolivo, Witsel, Kuco, Bertolacci, Sensi e Mauri in rientro. Ali Jack, Feghouli/Candreva, Cerci (eventuale), Boateng, in attacco Bacca, Adriano Niang (che in caso di necessità può giocare anche come ala sx) e si spera Mexes (che può giocare anche come ala dx). Giocatori che consentirebbero di giocare sia col 4-4-2 (Donnarumma, Antonelli, Romagnoli, Matip, Van der Wiel, Bonaventura, Witsel, Bertolacci, Feghouli, Bacca, Niang), sia col 4-2-3-1 (pur non avendo un trequartista di ruolo Menez o anche Bertolacci potrebbero giocare dietro Bacca), sia col 4-3-3. Non mi pare una campagna acquisti impossibile tra gennaio e agosto e la rosa aumenterebbe di sicuro il tasso tecnico (Paletta, DeSciglio, Calabria, Kuco, Montolivo, Cerci, Adriano, ecc come riserve invece che come titolari come in questa situazione, sarebbe una realtà ben diversa). Dai geometra, prendi Matip, Witsel e Candreva a gennaio e vedrai che per la Champions possiamo giocarcela. 
Forza Milan! 
 

Luca Borioni risponde: 
Non c'è dubbio, come sostiene Devilelvis, che il Milan debba fare qualcosa per elevare il livello medio qualitativo della squadra. A gennaio non sarà possibile incidere più di tanto, forse, ma sul prossimo mercato estivo l'obiettivo dovrà essere questo. Fare scelte mirate, investimenti ad hoc. La scorsa estate, dopo anni, per la prima volta Galliani è tornato a spendere per giocatori di qualità e non solo, cioè anche con prospettive. Giovani di talento insomma, come ad esempio Romagnoli. La strada è giusta. É vero, in porta il Milan ha probabilmente trovato il titolare del prossimo decennio, come minimo. In difesa, come detto, sono state poste le basi per una rinascita dopo troppe scelte dettate dal risparmio o da cattive valutazioni. A centrocampo serve una valutazione complessiva e scelte nette: ci sono giocatori che meritano conferme e altri meno, da Montolivo a Poli. In attacco Bacca merita di giocare con un partner efficace. Insomma, le prossime mosse saranno decisive per un Milan finalmente da primi posti. Con il tenace Mihajlovic in panchina. 
 

 

APRI ORA IL TUO BLOG IN VIVO X LEI, GLI INTERVENTI PIU' INTERESSANTI SARANNO DISCUSSI DA LUCA BORIONI