'Meno male che abbiamo già conquistato quaranta punti altrimenti sarei seriamente preoccupato di retrocedere'.

Presidente Zamparini, perché è così pessimista?
'Perché vedo una squadra che non sa reagire alle avversità. Una squadra che non riesce a tirarsi fuori dal brutto momento che sta attraversando. Vedo un Palermo rassegnato'.

Quello che lei descrive è un quadro veramente preoccupante.
'Lo sarebbe ancora di più se non fossimo a un passo dalla matematica salvezza. I quaranta punti conquistati sono un buon gruzzolo. Da qui alla fine del campionato penso che riusciremo a raccoglierne altri quattro o cinque che saranno decisivi'.

Così pochi?
'È il mio auspicio. Sono quelli che ci servono e che penso riusciremo a portare a casa. Del resto sconfitta chiama sconfitta e francamente non credo che le cose andranno molto meglio nelle prossime due partite. Se perdo anche con Milan e Catania mi dimetto da presidente del Palermo: sarebbe un record, sette partite di fila non le ho mai perse'.

Eppure contro il Genoa il Palermo ha fatto un passo in avanti rispetto alle ultime prestazioni. È d'accordo?
'Questo è vero, ma lei si ricorderà che dopo pochi minuti il Genoa avrebbe già potuto segnare un gol. Se ai nostri errori ci aggiunge poi anche quelli degli altri...'.

Si riferisce al fuorigioco di Palacio non segnalato sul gol di Floro Flores?
'Mi riferisco a questo episodio così come mi riferisco ai tanti errori che hanno caratterizzato il nostro campionato. Solo nelle ultime due partite abbiamo subito due gol in fuorigioco. L'elenco sarebbe lungo e lo vado ripetendo da tempo. Sono veramente stanco'.

Episodi a parte, è contento di Cosmi?
'Lui sta lavorando e qualche progresso si vede anche, ma se poi veniamo tartassati come a Genova diventa un problema'.

Non parlerà di complotto?
'Parlo di una serie di strepitose coincidenze che sono sempre a nostro sfavore. Francamente sono veramente sconcertato di quello che ci è capitato in questa stagione'.

Episodi che pesano sulla squadra?
'Pesano sicuramente e vanno a inserirsi nel momento difficile. A Genova la squadra mi è sembrata in ripresa. Il Palermo non meritava di perdere ed è stato danneggiato da un altro episodio negativo di un assistente dell’arbitro così come era capitato anche con il Cagliari, la Fiorentina, la Lazio e in altre occasioni'.

(La Repubblica - Edizione Palermo)