58
Come ​Nwankwo Kanu. Parola di uno che il nigeriano ex Inter l'ha conosciuto, ci ha giocato insieme all'Arsenal, ha avuto modo di vedere da vicino quanto fosse forte. Randal Kolo Muani come Kanu, il paragone è di Titi Henry, attuale vice di Martinez nel Belgio, che ha avuto modo di commentare per Amazon Prime il gol nel weekend della punta del Nantes contro l'Angers. Il secondo stagionale in cinque partite, dopo quello al Metz della seconda giornata. Un inizio positivo per il 22enne prodotto del settore giovanile dei Canarini, che cerca la consacrazione dopo aver chiuso l'ultimo anno con 9 gol e 8 assist in 37 partite di campionato.

LO SCENARIO - E' consapevole che il salto in un big passa dai suoi gol con il Nantes, dove ha scelto di restare nonostante l'offerta dell'Eintracht Francoforte, con il quale però ha deciso di non rinnovare il contratto in scadenza il giugno prossimo. In Francia scrivono che il mancato prolungamento è una questione economica, non di stimoli. Muani chiede un milione di bonus alla firma e un contratto da 1,3 milioni di euro all'anno, richieste che il Nantes è disposto ad accogliere. Per questo c'è il forte rischio che vada in scadenza. Con il Milan, che ha da tempo il suo nome sul taccuino, pronto a valutare il suo arrivo a parametro zero.