Vittorio Rigo, avvocato vicino a Raiola, ha parlato al Giornale di Vicenza della situazione di Gianluigi Donnarumma, che sta tenendo banco in questi giorni in casa Milan: ''Purtroppo fino ad oggi c’è stata forse una strumentalizzazione mediatica del caso Donnarumma che ricordo ha solo 18 anni e si è trovato travolto da una tempesta. Lui è passato da essere il beniamino della curva ad essere accusato di pensare solo ai soldi, anche se ha giocato un anno con un contratto bassissimo rispetto ai compagni. Purtroppo sempre più spesso accade che la situazione sfugga di mano, venga amplificata o travisata dai media e crei delle situazioni ambientali che poi possono anche cambiare o modificare le decisioni di società e giocatori''.

NO ALLA TRIBUNA - L'avvocato, esperto di diritto sportivo, ha anche spiegato che il Milan non potrà tenere il giocatore in tribuna tutta la stagione come rimedio punitivo per la scelta di rinnovare: ''E' possibile mandare un giocatore in tribuna perché non rinnova? Premesso che ritengo che non accadrà nel caso di Donnarumma, visto che le parti stanno lavorando ad una soluzione soddisfacente per tutti; di fronte ad una società che pone in essere trattamenti discriminatori a danno di un atleta oggi ci sono tutele previste dall’accordo collettivo che possono portare anche alla risoluzione del contratto. Ma credo che prevarrà il buon senso''.