Una vittoria fondamentale, nel nome di Cuadrado e, soprattutto, Buffon. La Juventus vince soffrendo contro il Lione, un 1-0 in cui il grande protagonista è il portiere bianconero, con un rigore parato e almeno altri due interventi decisivi. E a Premium Sport nel post partita Buffon ha sfogato tutta la sua rabbia dopo le tante critiche ricevute in seguito agli errori contro Udinese e Spagna, con la maglia della Nazionale: "Mi hanno fatto il funerale, ma che ci vadano loro. Non troveranno nessuno perché non c'è nessun funerale da fare. Ho sentito tante cose in questi giorni, ma l'unica giusta è stata dire: 'Io da Buffon mi aspetto di più'".

"Non ho bisogno di sentire la spocchia degli altri, che mancano di rispetto alla carriera e allo spessore di una persona. Per quanto riguarda la partita, dobbiamo migliorare: non può bastare, per arrivare in fondo, quello che abbiamo proposto nel primo tempo. Paradossalmente, in inferiorità siamo stati più squadra, ci siamo compattati: significa che lo spirito è buono, ma per arrivare fino in fondo bisogna migliorare perché abbiamo dei margini e sarebbe un peccato, da qui a marzo, non spendere questo tempo per fare dei passi in avanti. Non ho esultato durante le parate perché eravamo in inferiorità e non potevo disperdere energie inutili: dovevo rimanere ben focalizzato su quello che succedeva in campo, lo dovevo ai miei compagni, alla società e ai nostri tifosi. Sapevamo che sarebbe stata una partita complicata: il Lione ha qualità e va rispettata, ha esperienza europea. Per noi era importante perché una vittoria avrebbe messo una seria ipoteca sulla qualificazione: migliorando un po’ la qualità del gioco potremmo ritagliarci un ruolo da protagonisti "