Una situazione sempre più tesa e un futuro sempre più lontano dalla squadra che gli ha permesso di imporsi nel calcio professionistico e conquistare la maglia della Nazionale. Mattia De Sciglio e il Milan non sono mai stati così distanti come in queste ore, successive alla sconfitta dei rossoneri contro l'Empoli e a un post-gara decisamente sopra le righe che ha visto il difensore milanista e i suoi familiari protagonisti del brutto diverbio con un esagitato all'uscita da San Siro. 

IL CAMBIO E MONTELLA - Il ds Mirabelli è pronto ad incontrare nuovamente l'entourage del ragazzo per capire se esistano ancora margini per raggiungere un accordo per rinnovare il contratto in scadenza a giugno 2018, ma le sensazioni sono molto negative. De Sciglio è ovviamente rimasto scosso per l'increscioso episodio di cui è stato vittima, ma soprattutto non è più disposto a sopportare il clima di diffidenza e ostilità palesato dai tifosi rossoneri anche al momento della sua sostituzione contro l'Empoli. Un momento vissuto con difficoltà anche a causa delle motivazioni poi fornite da Montella per giustificare il cambio, ossia una presa di responsabilità in quanto De Sciglio indossava la fascia da capitano.

ECCO DOVE PUO' ANDARE - Oltre alle ragioni ambientali, chi cura la carriera del terzino classe '92 ha preso atto del fatto che il suo futuro non rappresenta una priorità per la nuova dirigenza, a differenza per esempio di Donnarumma e Suso, ed è consapevole che i pretendenti non mancano. Resta in prima fila la Juventus, dove De Sciglio ritroverebbe un estimatore assoluto come Allegri, l'allenatore che lo ha fatto debuttare in prima squadra, senza dimenticare il Napoli, che aveva già fatto un tentativo la scorsa estate. Occhio anche all'ipotesi estero, col Bayern Monaco allenato da Carlo Ancelotti che osserva gli sviluppi sullo sfondo. L'unica certezza è che nei prossimi giorni, verosimilmente venerdì, andrà in scena un summit che sarà determinante in un senso o nell'altro: per ripartire insieme lasciandosi tutto alle spalle o dirsi addio per il bene di tutti.