Tra i tanti giocatori parsi rigenerati dalla cura Juric-bis c'è anche Darko Lazovic, che sabato scorso contro la Lazio è sembrato tornare sui livelli di inizio anno: “Finalmente - ha racontato il serbo al sito ufficiale del Genoa - abbiamo prodotto una prova all’altezza del girone di andata. Io come i compagni siamo delusi dal non esserci ripetuti con l’anno nuovo. Qualcosa si era inceppato. Siamo tornati intensi e determinati, ritrovando il gioco della prima parte. Dobbiamo continuare a dare il massimo”.

Domenica però la musica che attende il Grifone rischia di essere molto diversa. I rossoblu saranno infatti di scena allo Juventus Stadium, un fortino inespugnabile per chiunque in Italia da oltre 30 partite. Anche se il ricordo della gara d'andata ha ancora un ottimo sapore: “La Juventus è la squadra più forte del campionato, può vincere la Champions - ha aggiunto Lazovic - All’andata fu una giornata storica per noi. Tre gol in mezzora, chi l’avrebbe detto? Deciderà il mister la tattica, se aspettarli o prenderli alti. Siamo umili e consapevoli della differenza di valori".

Con una stagione che si avvia lentamente verso la conclusione, Lazovic fissa gli ultimi traguardi per i rossoblu: "Dopo questi segnali positivi, l’obiettivo è continuare a giocare da Genoa come ci chiede il mister e come è nello spirito di questa squadra. Testa sul campo e massima concentrazione”.