Adesso le chiacchiere stanno a zero.

Dopo il precampionato più bello della storia recente del Genoa, per i rossoblu arriva il momento in cui il punteggio a fine gara conterà veramente. 

DEBUTTO STAGIONALE - La sfida con il Cesena di domani sera, valida per il terzo turno di Coppa Italia, sarà il primo vero banco di prova della nuova stagione. Un impegno semplice solo sulla carta, vista la categoria di differenza tra le due squadre e il fattore Ferraris su cui il Grifone potrà contare. Eppure proprio per questo, a differenza dei romagnoli, i rossoblu avranno tutto da perdere.

PERICOLO SCIVOLONE - Il rischio figuraccia in questi casi è sempre dietro l'angolo ed abbandonare la seconda competizione nazionale già prima di ferragosto non sarebbe certo un bel segnale per un ambiente reduce dalla deprimente stagione passata. Le brillanti e sorprendenti vittorie contro Hoffenheim, Nantes e Heerenveen hanno lasciato nei tifosi rossoblu la piacevole sensazione che l'annata che si appresta a cominciare possa davvero regalare qualcosa di diverso ed altamente emozionante.

Tuttavia, al di là di facili e pericoli voli pindarici, non si può tralasciare il fatto che per quanto prestigiose queste partite rappresentano comunque semplici test estivi che non lasceranno traccia negli almanacchi ufficiali. Eppure l'entusiasmo giustamente generato da questo trittico internazionale può dare un grande aiuto morale nella costruzione del nuovo Genoa. A patto, però, di non vanificare tutto alla prima occasione.