Antoine Griezmann sarà uno dei nomi più caldi nella prossima estate di mercato. Oggi ha risposto alle domande dei fan tramite l'Equipe e non ha chiuso la porta alle grandi rivali del suo Atletico nella Liga: "Giocare nel Real o nel Barcellona? Perché no? Sarebbe un sogno arrivare nei migliori club d'Europa e queste due squadre, come il Bayern o le squadre inglesi, sono un sogno fin da bambino". A proposito di desideri, quello più grande è uno solo: "Il Mondiale prima ancora che la Champions. Vincere con il mio Paese e rendere felici i francesi, niente di meglio. Potrei anche non vincere mai il Pallone d'Oro e non mi interesserebbe più di tanto".

LONTANO DALLA FRANCIA - Poi prende le difese dei blaugrana tornando sul ritorno degli ottavi di Champions League contro il PSG: "Quando si subiscono sei gol non può essere colpa dell'arbitro". D'altronde non vede la Francia, se non in nazionale, nel suo futuro: "Non andrei mai a Parigi, in Cina o negli Stati Uniti". Però c'è un giocatore che ammira nella squadra della capitale: "Edinson Cavani, è fenomenale come affronta le due fasi del gioco". Tra i suoi compagni, invece: "Diego Godin, è un grande difensore e un leader". 

SOGNO CHAMPIONS - Se l'Atletico vuole sognare il ritorno in finale di Champions League, c'è il Leicester da superare nei quarti: "Il Leicester è una squadra insidiosa, sono rapidi ed efficaci con Vardy e Mahrez, che è un giocatore eccezionale. In difesa sono molto solidi, sarà difficile segnare". I suoi favoriti per la Champions? "La Juventus mi piace moltissimo, giocano in modo molto simile a noi". A proposito d'Italia, infine, un richiamo a Francesco Totti: "Giocherò fino a 33/34 anni, non arriverò certo a 40 come Totti".