Esame superato. L'Inter esce indenne dalla trasferta di Napoli. Dove dimostra di non avere solo fortuna e di essere squadra, come non succedeva dai tempi di Mourinho. Merito di Spalletti, il quale in poco tempo è riuscito nell'impresa di dare compattezza e identità a un gruppo che aveva finito la scorsa stagione allo sfascio. Dal record negativo di otto giornate senza vittorie si è passati all'incoraggiante inizio di campionato con nove partite senza sconfitte, come non succedeva dal 2007. E, rispetto a un anno fa, i punti in più sono già 12. 

TERZINI RINATI - La miglior difesa della Serie A (con 5 gol presi in 9 gare) ha retto l'urto sul campo del miglior attacco. Handanovic (alla quinta volta senza subire reti) e Skriniar sono le colonne portanti del muro nerazzurro. Ma pure i due terzini D'Ambrosio e Nagatomo, considerati gli anelli deboli, stanno dimostrando di poter fare bella figura inseriti in un contesto molto ben organizzato. Anche grazie all'aiuto dato loro da Perisic e Candreva in fase di non possesso. 

6 PRIMA DELLA JUVE - L'anno scorso l'Inter prese tre sberle a Napoli, subendo due gol nei primi cinque minuti. Dopodiché la formazione allenata da Pioli infilò una serie positiva di sette vittorie consecutive prima del ko allo Juventus Stadium. Ora il calendario riserva ai nerazzurri sei incontri non proibitivi, almeno sulla carta, con ben quattro gare in casa. A partire dal turno infrasettimanale di martedì sera con la Sampdoria, il lunedì successivo a Verona, poi Torino e Atalanta in casa, trasferta a Cagliari e quindi ancora a San Siro contro il Chievo. Con una squadra 'pazza' come l'Inter è meglio pensare a una partita per volta senza fare tabelle di marcia. Ma non sbagliare questi appuntamenti consentirebbe a Icardi e compagni di arrivare alla sfida con la Juve respirando ancora aria d'alta classifica. Non sarebbe affatto una cosa da poco, in linea con l'obiettivo di tornare in Champions e aspettando un paio di rinforzi sul mercato di gennaio. 

@CriGiudici
  NELLA GALLERY SOCIAL SI PUÒ VOTARE IL MIGLIORE IN CAMPO DELL'INTER A NAPOLI