La voglia di un grande colpo extra budget, un altro sogno regalato ai tifosi rossoneri. Fassone e Mirabelli stanno lavorando su più tavoli per il nuovo acquisto del Milan: non va mai sottovalutato Aubameyang per cui i contatti sono in corso, Kalinic è una pista fredda ad oggi ma ancora assolutamente viva, la più arrivabile. E Andrea Belotti? Il desiderio dei tifosi non è semplice, il Milan ci sta lavorando in maniera concreta: ha alzato la sua offerta nelle ultime ore per provare ad arrivare al Gallo.

CAIRO VUOLE 100 - I rossoneri hanno messo sul tavolo una cifra fissa tra i 40 e i 45 milioni più i due cartellini di Paletta e Niang, entrambi molto graditi al Toro che li prenderebbe volentieri anche a prescindere dalla buona riuscita dell'operazione Belotti. In più, il giocatore ha già dato il suo ok al Milan tramite gli intermediari che curano l'operazione: sarebbe favorevole e non crea problemi sul contratto o sull'ingaggio, fattore importante. Ma il presidente Cairo ha rifiutato, 40 milioni sono troppo pochi per convincerlo. Ne ha pretesi addirittura 80 fissi più Paletta e Niang per privarsi di Belotti. C'è di più: settimana prossima conta di incontrarlo, convincerlo a diventare capitano del nuovo Toro e non cedere a tentazioni inferiori a 100 milioni. Quella clausola per l'estero ma prezzo da listino anche per l'Italia. Il Milan è avvisato, il Gallo per ora aspetta e non giura amore. Aspetta, sa che il Diavolo è dietro l'angolo. Ma la strada è ancora lunga, senza scordare Aubameyang e Kalinic...