"In un calcio ormai privo di esempi da seguire e positività, ma sempre più basato sul denaro e sul ritorno economico, e funestato da eventi che con il pallone non hanno nulla a che vedere, questa rubrica vuole proporre un momento di svago settimanale che ci riavvicini allo sport più bello del mondo, legato al campo di gioco ma non solo, anche ai social, alle iniziative di beneficenza e a storie da raccontare: il calcio è felicità, il calcio è passione, il calcio è "Momenti Di Gioia""

"Spirito di squadra", si diceva una volta: compartecipazione nelle passioni, siano esse positive o negative, che accomuna tutti i componenti di un gruppo, nel bene o nel male. Più difficile farne parte quando le cose non vanno in maniera positiva, ad esempio in tempi di contestazione o di mancanza di risultati; più semplice invece metterci la faccia quando c'è da festeggiare un risultato importante, seppur ampiamente preventivato. Propio come nel caso del sesto titolo di campione di Francia, conquistato ieri sera dal PSG dopo il roboante 7-1 rifilato al Parco dei Prinicipi al Monaco secondo: vittoria che ha dato inizio alla festa. Per tutti tranne che per Neymar Jr.

IL PSG VINCE IL TITOLO, NEYMAR GIOCA A POKER - Il fuoriclasse brasiliano, al momento infortunato e in fase di recupero in vista del Mondiale in Russia, ma uno degli artefici del trionfo da parte dei parigini con diciannove reti e tredici assist in campionato, mentre i suoi compagni festeggiavano la vittoria del titolo di Francia, si è mostrato sui social alle prese con una partita di poker online: la story postata su Instagram testimonia infatti di come il brasiliano fosse totalmente insensibile al risultato ottenuto dai compagni, celebrando la vittoria della squadra mentre giocava a poker su Internet dal Brasile. Solo in sottofondo la presenza del PSG: la tv era infatti sintonizzata sulla partita dei compagni di squadra.

LE PRIORITA' - Neymar è da sempre un grande fan del poker ed è anche ambasciatore di una grande marca del settore: la mancanza di interesse è stata probabilmente dettata dal largo margine con cui gli uomini di Emery hanno superato il Monaco e dal titolo ormai conquistato da mesi, visto il margine di vantaggio sulle inseguitrici. In seguito O'Ney ha parlato a Globo TV: "Mondiale? Mi manca ancora un mese, ma posso già camminare senza dolore. Mi sto allenando in palestra e sto meglio". Insomma, gli obiettivi e gli interessi del dieci verdeoro sono ben chiari: il poker e la competizione iridata. E il titolo del PSG? Ordinaria amministrazione. Non proprio un atteggiamento da campione.

@AleDigio89