Tutto fermo. Squadra, società, nuovi ingressi. La situazione attuale del Milan non è di quelle entusiasmanti e il 2-2 maturato al 95' contro il Benevento di certo non ha aiutato a risollevare il morale. Gattuso continua il suo lavoro, conscio che di fronte c'è un calendario che potrebbe dare qualche soddisfazione da qui a fine gennaio. Intanto, però, in molti si chiedono: ma dov'è la società?

MILAN, LA SOCIETA' LATENTE - Perché, in fin dei conti, quello che manca è una chiara presa di posizione societaria. Che appoggi un allenatore e una squadra palesemente in crisi, con parole che possano offrire calma e serenità. E non si tratterebbe, più di tanto, di Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli, i quali ormai ci hanno abituato alle loro uscite mediatiche spesso piene zeppe di mezze verità (vi ricordate la "fiducia incondizionata" nei confronti di Montella solo il giorno prima dell'esonero?). Qui stiamo parlando di Yonghong Li, il nuovo presidente del club che non si è finora mai esposto.

UNA COMPARSATA, POI IL SILENZIO - Pare che sia stato lui a decidere, in modo repentino, per l'esonero di Vincenzo Montella. Bene. Vuol dire che attivamente segue il club ed interviene in modo deciso. Spesso andando contro anche le decisioni di coloro che ha piazzato a dirigere il club (leggi sopra Fassone e Mirabelli). Ma di lui ci si ricorda, soprattutto, la prima uscita. Che fu una sorta di piccola gaffe. Al suo arrivo a Malpensa, quello che da lì a poco sarebbe diventato il successore di Silvio Berlusconi, salì su una lussuosa berlina nera della Mercedes. Ma al tempo lo sponsor del club, anche se "dimissionario", era ancora Audi, casa fornitrice ufficiale di auto alla società. Che forse un piccolo segnare di cosa stava e sta succedendo?

MERCEDES, VOLKSWAGEN E VOLVO - Ad oggi il Milan non ha ancora comunicato il nuovo sponsor del settore automotive, quello che comunemente viene definito "car sponsor", in sostituzione proprio di Audi. Dopo l'accordo con Puma, che dalla stagione 2018/2019 prenderà il posto di adidas, rimane da capire chi sarà ad unirsi ad un club in così chiara difficoltà nel settore automotive. All'orizzonte sono stati fatti i nomi di Volkswagen e Volvo. La prima è la casa madre proprio di Audi e visto il pregresso ad oggi appare difficile che possa tornare a legarsi ai colori rossoneri. Inoltre la Marca tedesca, proprietaria del Wolfsburg in Bundesliga, è già stata legata a Roma e Fiorentina e secondo una policy aziendale ruota le società straniere periodicamente. La seconda, invece, di recente ha firmato un accordo con l’Inter: ve lo immaginate lo stesso sponsor per le due società? Che la gaffe di Yonghong Li fosse invece un'anticipazione involontaria?