Nonostante il pesante ko rimediato dalla Juventus, parte della dirigenza della Sampdoria resta abbastanza soddisfatta della prestazione offerta dagli uomini di Giampaolo contro i bianconeri. Ad esempio il direttore sportivo blucerchiato Carlo Osti si è detto piuttosto soddisfatto dei 45 minuti iniziali disputati dalla Samp: "Secondo me è un buon primo tempo, non si è vista in campo quella grande differenza tra La Juventus è la Sampdoria. Poi il gol di Mandzukic, in quel momento, ha cambiato gli equilibri. L'ingresso di Douglas Costa, al di là dei tre assist, è stato decisivo" ha raccontato il dirigente a Il Secolo XIX. "Nel secondo tempo la squadra bianconera ha dimostrato di essere una squadra di marziani. Era cattiva, aggressiva... Per noi c'è il rammarico di quelle due occasioni all'inizio del secondo tempo che con il senno di poi avrebbero potuto creare i presupposti per un altro secondo tempo". 

Tutti nella Sampdoria sanno comunque che la squadra blucerchiata non era chiamata a fare risultato ieri: "Ci aspettano alcune partite teoricamente più abbordabili, che ci diranno se possiamo ritagliarci un posto al sole oppure no" conferma Osti. "Questa dello Juventus Stadium era sicuramente proibitiva. Nelle prossime sfide dovremmo tirare fuori tutte le energie mentali e nervose che abbiamo. Non era sicuramente questa la partita da vincere. Ma ripeto, non abbiamo demeritato. Se fosse passato uno da fuori senza sapere il risultato, non avrebbe creduto nel 3 a 0. C'era bisogno di guardare il tabellone. Per fare bene contro la Juventus - conclude il ds - occorre una condizione mentale e psicologica top, non sbagliare niente e sperare che non siano in una grande giornata".