Ogni volta che in questa stagione Christian Puggioni è stato chiamato in causa per difendere la porta della sua Sampdoria, l'estremo difensore doriano ha risposto presente con grande puntualità. Il numero uno blucerchiato ha già compiuto diversi interventi determinanti, gli ultimi in ordine cronologico sono quelli di ieri, contro un avversario del calibro di Gonzalo Higuain.

"Non so quante altre volte la Juve sia stata messa alle corde in stagione, oggi avremmo meritato un punto, o comunque non la sconfitta per quanto visto sul campo" racconta Puggioni ai microfoni di Samp TV. "Bisogna essere lucidi e razionali nell'analizzare la prestazione e lo spettacolo offerto, e credo che il modo migliore per farlo sia ascoltare l'applauso finale che la gente ha regalato alla squadra ancora con la palla in movimento. Il pubblico recepisce i messaggi che manda la squadra, e la squadra recepisce la voglia che ha il pubblico di spingere, e questa è una sinergia importante".

Puggioni racconta poi i vari interventi di cui si è reso protagonista contro il Pipita: "Il tiro di Higuain l'ho un po' anticipato perchè è stato bravo Silvestre a coprirmi un po' di porta, sono riuscito a partire a tempo con il pallone perchè avevo tanto specchio da coprire. L'altra è stata una deviazione sporca, l'ho intercettata con il ginocchio e poi sono andato a contrasto, è un movimento che proviamo anche in allenamento, e poi abbiamo avuto un pizzico di fortuna perchè sono andati a carambola tra loro. Lo stesso la palla che è filtrata a Higuain in diagonale, è stata calciata molto velocemente, sono tutte parate importanti perchè quando le fai su attaccanti del genere ci vuole velocità, forza e un bel movimento. Siamo stati bravissimi - conclude Puggioni -, potevamo essere un pizzico più fortunati, quello si, ma siamo stati positivi perchè abbiamo fatto la prestazione".