28
Chris Smalling è un punto interrogativo sul mercato. Una mina vagante, perché la Roma è molto soddisfatta del rendimento del difensore inglese preso in prestito dal Manchester United che non ha nessuna intenzione di regalarlo a giugno: l'idea di riscattarlo a 12/13 milioni come si pensava a settembre è diventata utopia, la dirigenza dei Red Devils ha alzato il tiro dopo le sue ottime prestazioni e per questo il discorso con la Roma rimane valido e gradito a Smalling, ma spuntano voci continue sul futuro del centrale. Compresa una candidatura della Juventus rilanciata dall'Inghilterra con grande forza nelle ultime ore.


LA POSIZIONE DELLA JUVE - Da parte propria, la dirigenza bianconera oggi non dà conferme sull'idea Smalling. Perché Chris compirà 31 anni a novembre, non c'è intenzione di fare un grosso investimento su di lui specialmente se sulla panchina rimarrà Maurizio Sarri che preferisce difensori diversi per caratteristiche rispetto all'impulsività ed esplosività dell'inglese. In più, il gioco all'asta del Manchester United non piace alla Juve che pur apprezzando il difensore, non lo ha messo nel mirino. Smalling può essere un affare, ma la Roma non ha intenzione di mollare. E la Juve non si posiziona in prima fila.

Ascolta "Affare Smalling: la posizione della Juve" su Spreaker.