242
Musacchio è arrivato al Milan nel 2017 dal Villarreal per 18 milioni di euro. Le prime due stagioni da titolare assoluto, poi Stefano Pioli gli ha sempre preferito Simon Kjaer. Qualcosa sembra essersi rotto nel rapporto tra i due tanto che Mateo è l'unico giocatore della rosa a non aver ancora totalizzato nemmeno un minuto  in questa stagione. Il contratto del difensore argentino è in scadenza nel luglio del 2021 e per sapere di più sul suo futuro abbiamo intervistato in esclusiva il suo agente Marcelo Lombilla.

Lombilla, il Genoa potrebbe essere la prossima destinazione di Musacchio?
"Allo stato attuale non c'è niente. Mateo resta al Milan fino a luglio e poi vedremo".

Si è parlato anche di un possibile rifiuto da parte del giocatore, conferma?
"Solo io sono autorizzato a parlare per i suoi interessi e non ho avuto nessun contatto con il Genoa".
Che idea si è fatto delle tante tribune e panchine raccolte da Musacchio in questa stagione?
"É una situazione strana e incerta per tutti, non capisco questo trattamento quando lui ha dato tutto per la squadra ed ha anche giocato con delle infiltrazioni, su richieste del tecnico e questo gli è costato un infortunio. Però il calcio è cosi, Pioli era licenziato e ora sembra Guardiola. La vita è così, bisogna aspettare le opportunità".

Come sta vivendo questa situazione?
"Come un professionista.  Aiutando e incitando i suoi compagni per l'obiettivo più importante che è quello di stare il più in alto possibile. Non ha mai creato problemi in 13 anni di carriera in Europa e non sarà mai diverso. Ama il Milan dal primo giorno e continua ad amarlo con tutto se stesso".

Ha mai parlato con Maldini e Massara di un possibile rinnovo del contratto in scadenza nel prossimo mese di luglio?
"No, mai. Abbiamo solo parlato di calcio in generale. Con loro due il rapporto è eccellente".