1

La redazione del sito Sampnews24.com ha contattato Christian Maifredi, agente di Simone Zaza, attaccante dell'Ascoli seguito da Juve, Inter e Milan. Maifredi ha chiarito alcune questioni legate al suo assistito: “Io non ho parlato con nessuna società in maniera ufficiale. Se incontro allo stadio un direttore sportivo non significa parlargli ufficialmente, queste cose devono provarle. Diano una prova che io mi sia seduto al tavolo con qualche ds e abbia discusso del futuro di Simone. Ma nessuno può farlo siccome è impossibile provarlo. Noi siamo stati più che corretti con la Sampdoria e ci siamo messi a loro completa disposizione per discutere del rinnovo. Io e il mio socio Marco Giulini ci siamo recati più volte a Genova per provare a raggiungere un punto di incontro, ma se la società è lontana dalla cifra del mercato del calciatore io devo lavorare così, altrimenti il giocatore se la prende con me e ha ragione”.

In particolare, Maifredi ha parlato anche di un suo ipotetico incontro con il Ds della Juventus: “I giornali e i siti scrivono che mi sono incontrato con Paratici, ma non è vero. La scorsa settimana sono andato a vedere Juventus-Celtic, ma questo significa che ho parlato del contratto di Simone? Ognuno scrive quello che vuole, ma le parole riportate dai media non sono mie. E' vero che ho visto Paratici allo Juventus Stadium, ma è anche vero che mi ha semplicemente fatto i complimenti per quello che sta facendo Simone in questa stagione. Stasera andrò al Meazza per assistere al match fra Inter e Tottenham, ma se vedo Ausilio non significa che si tratta di un incontro ufficiale per parlare di un eventuale trasferimento di Simone. E poi l'argomento del discorso può cadere anche su altri giocatori che rappresentiamo, perché io non sono solamente l'agente di Zaza».

L’agente ha concluso, parlando del possibile addio di Zaza dalla Sampdoria: “Il giocatore avrebbe comunque volentieri continuato il rapporto con la Sampdoria, che tre anni fa lo ha messo sotto contratto, perché a lui non sarebbe assolutamente dispiaciuto giocare con la maglia blucerchiata. Lui non mi ha mai chiesto di lasciare la Samp, anzi gli piacerebbe tornare per dimostrare il suo valore dato che non ci era riuscito nella sua unica stagione a Genova. Nessuno vuole portare via Simone Zaza dalla Sampdoria e io non sto andando a proporre il calciatore in giro. Noi rispettiamo la dirigenza doriana, anche perché sarebbe la Samp sarebbe la squadra perfetta per Simone dove poter esprimere tutto il suo potenziale. Andare a cercare altre squadre, pur blasonate che siano, non ci interessa. Le denunce le prendono altre persone, non quelle che lavorano correttamente e nel rispetto delle norme”.