Calciomercato.com

Allegri: 'Le verità di Bonucci? Le soap opera non mi appassionano. Pogba? Con i fatti extra-campo siamo ferrati...'

Allegri: 'Le verità di Bonucci? Le soap opera non mi appassionano. Pogba? Con i fatti extra-campo siamo ferrati...'

  • 123
L'allenatore della Juventus, Massimiliano Allegri, ha presentato in conferenza stampa la partita che domani a partire dalle ore 15 all'Allianz Stadium di Torino vedrà i bianconeri affrontare la Lazio.

Juventus - Lazio (15:00 16/09)
CONDIZIONE -
"La squadra si è allenata bene. Chi è rimasto ha fatto una buona settimana di lavoro. Gli altri è chiaro che qualcuno deve ancora smaltire il fuso, ma è normale. C'è voglia di fare una buona prestazione dato che al rientro della sosta non c'è".

 

FORMAZIONE - "Ci sono giocatori che meriterebbero di giocare, ma dall'altra devo fare delle scelte. Non sarà semplice fare la formazione"

IL CASO BONUCCI - "Riguardo alla vicenda di Leonardo Bonucci non c'è niente da aggiungere. Ripeto quello che ho detto e gli auguro un grosso in bocca al lupo per quello che farà dentro e fuori dal calcio nella sua carriera"

MENTALE - "Per quanto riguarda i problemi fuori dal campo e la gestione siamo ferrati e siamo sereni. Per quello che riguarda Pogba sono dispiaciuto della situazione e non ho niente e non posso aggiungere altro. C'è un procedimento aperto e aspettiamo".

AVVISO A FEBBRAIO A BONUCCI - "Diciamo che le soap opera sono su Canale 5 e non sono appassionato. Ripeto ancora. gli auguro un grosso in bocca al lupo. Gioca in una squadra che fa la Champions e sarà per lui una grande stagione a livello emotivo".



POGBA COSA CAMBIA? - "In questo momento qui dire cosa cambia per la Juve è difficile. Ha subito una sospensione e aspettiamo la fine del procedimento e la sentenza per dire cosa cambia per la Juve. Non ci sarà con Lazio e Sassuolo, poi vedremo. Dobbiamo essere concentrati sui giocatori che abbiamo"



LAZIO - "Non è un crocevia, ma è una delle nostre concorrenti dirette Champions che è uno dei nostri obiettivi".

POGBA - "Pogba è tornato come uomo di 30 anni. Poi c'è stato l'infortunio che l'ha condizionato e ora questo fatto. Dispiace per come è andata finora. Lui è un giocatore diverso da tutti gli altri, lo ribadisco".

REAZIONE UMANA - "Per me sono due dati di fatto, diversi. Per Pogba mi dispiace. Per quanto riguarda Leonardo se ne è parlato tantissimo e a me interessa guardare avanti e non indietro perché tanto il passato non si può cambiare".

CHIESA - "Le possibilità di vedere Chiesa dall'inizio sono alte. Ha fatto due giorni di recupero e poi si è allenato con la squadra, quindi può giocare". 

LOCATELLI - "Aveva bisogno di questa convocazione anche per lui".

MCKENNIE - "Può giocare sia esterno che mezzala. Domani è probabile che parta dall'inizio. Devo fare valutazioni su lui e Danilo, ma McKennie sta diventando un giocatore affidabile. Io sono molto contento di come sta lavorando, l'importante è che tenga a livello mentale tutto l'anno".

BUGIE SECONDO BONUCCI - "I miei amici mi chiamano Pinocchio, quello è il meno (ride ndr)"

CAMBIASO E I DUBBI DI FORMAZIONE - "Può giocare su entrambe le fasce. Anche davanti c'è tanta concorrenza perché tutti e 4 stanno bene. Anche Rugani è affidabile dietro e si stanno allenando tutti bene".

ESPERIENZA - "Bonucci e Pogba, così come Cuadrado, Paredes e Di Maria erano giocatori di esperienza. Noi siamo un gruppo giovane che sta bene insieme e vuole crescere. Il campo dirà quanto vale".

BONUCCI E POGBA FATTORI PER LO SPOGLIATOIO - "Leonardo non ha creato una guerra in terra. È stata presa una decisione come è normale nel corso della vita. Per lui si è aperta una porta importante per andare a giocare la Champions. La squadra è una squadra giovane, ma molto responsabile. Come tutte le squadre che ho allenato quando si va in campo si mette sempre tutto ciò che si ha".

COSA EVITARE DELLA LAZIO - "La Lazio è una squadra che ha molta tecnica fra Luis Alberto, Felipe Anderson, Zaccagni, Immobile. Sono veloci e giocano bene nello stretto evitando i contropiedi dato che sono molto abili. Gli scontri diretti sono equilibrati, dovremo portare gli scontri diretti dalla nostra parte".

RIGORISTI - "Dopo Vlahovic c'è Milik, Kean è un buon rigorista. Danilo è un rigorista. McKennie tira i rigori"

Altre notizie