Commenta per primo
Il Bari prova a chiudere oggi per Carlo Osti. Nelle ultime ore i contatti con l'attuale direttore sportivo dell'Atalanta si sono decisamente intensificati e non è escluso che in giornata il presidente Matarrese contatti personalmente il giovane omologo Alessandro Ruggeri al fine di ottenere il via libera per il 52enne dirigente di Vittorio Veneto. Osti, all'Atalanta dal maggio del 2006 e con una passato da calciatore nella Juventus, ieri ha giurato fedeltà alla società nerazzurra, lasciando però una porta aperta per un eventuale addio. 'La mia massima aspirazione è riportare l'Atalanta in serie A', sono state le sue parole. 'Ho un contratto con il club sino al 2011. Non lascio la barca in un momento difficile, dopo una retrocessione. Se poi il presidente Ruggeri, nei prossimi programmi, avesse disegni differenti (si parla della cessione del club), allora il discorso potrebbe cambiare'. Parole in linea con il suo stile, molto apprezzato nel mondo del calcio. Di lui sono in molti ad evidenziare lealtà e correttezza, oltre che competenza. Al Bari è stato consigliato senza timore di smentita (anche dall'ex direttore generale Regalia), ma solo oggi si saprà se l'obiettivo numero uno sarà centrato. Le alternative restano le solite, con Angelozzi e Castagnini in seconda fila, Carboni un passo indietro. Quasi accantonate le candidature di Cinquini e Salvatori. Di sicuro, per la scelta non si andrà oltre la fine della settimana, anche perchè il Bari ha questioni di mercato urgenti da risolvere, su tutte quelle legate ad una eventuale permamenza di Barreto ed Almiron. (La Repubblica - Edizione Bari)