8
Amletico, imprevedibile, talvolta attonito. Il mercato della Fiorentina procede si delinea secondo questi tratti. Quando Pantaleo Corvino ingrana la marcia, è difficile fermarlo. Per adesso, senza i botti, quei colpi che farebbero sognare i tifosi e darebbero concretezza ad una squadra che ne necessità più di ogni altra cosa. Le certezze arriveranno quando le casse viola saranno rimpinguate da introiti eccellenti. Il leitmotiv, fino ad ora, si basa su una linea in cui, tranne Vitor Hugo, pagato otto milioni di euro ma comunque una scommessa, regnano sovrane l'incertezza e le valutazioni a posteriori. E ciò non è destinato a cambiare a breve. Neanche con Rafik Zekhnini.

SOGNI NORVEGESI - L'ultimo nome aggiratosi nelle stanze dei dirigenti della Fiorentina è proprio quello del classe '98 dell'Odd Ballklubb, impegnato in questi giorni nella doppia sfida contro il Vaduz valida per il Secondo Turno di qualificazione di Europa League. I viola sono molto vicini all'acquisto di Zekhnini, il cui entourage, guidato da Jim Solbakken, non vuole sbottonarsi in questa calda fase della trattativa. Nessuno si espone, le bocche sono cucite, ma la sensazione è che per il talento scandinavo ci sia più di un semplice interessamento.

LE CONFERME - A dare maggior realismo alla vicenda sono le parole dello stesso calciatore, che ha parlato nella giornata di ieri: "So che la Fiorentina mi vuole, ma io sono concentrato sulla partita contro il Vaduz". Ammicca così. "Io non conosco la situazione - continua Zekhnini - perché non ho parlato col mio procuratore oggi. Spero che la gente sarà d'accordo con la mia decisione, sia che rimanga un'altra stagione qui sia che decida di andare via". Sarà compito di Corvino e Freitas affondare il colpo.
VOGLIA DI ESPLODERE - "Non ho mai nascosto che voglio andare a giocare all'estero, ma qui sto bene. Il calcio italiano è bello. Lo seguo da sempre, è un grande campionato", ha infine ammesso il norvegese, accostato negli scorsi mesi anche al Manchester United. Dopo aver esordito nel 2015 con l'Odd Ballklubb, segnando alla prima apparizione, sale alla ribalta, tanto che il The Guardian lo inserisce tra i migliori talenti nati nel 1998. Era in campo nel famoso Odd-Borussia Dortmund 3-0, quando fece impazzire i gialloneri. A fine partita, Mats Hummels commentò: "
Non lo conoscevo, ma è veramente un’ottima ala sinistra, è veloce, ci ha messo in difficoltà". Venendo poi incalzato da un cronista sull'età del ragazzo e risponendo sorpreso: "Ma veramente ha solo 17 anni? Ma che diavolo..."

FIRENZE NEL DESTINO - Era stato accostato alla Fiorentina anche la scorsa estate, quando gli venne preferito Hernan Toledo. Esplosivo, tecnico e veloce, i suoi 179 centrimetri costeranno ai viola circa 1,1 milioni di euro. Esterno sinistro d'attacco a piede invertito, può giocare anche sulla fascia destra o come trequartista centrale. Dotato del doppio passaporto norvegese e marocchino, ha nella tecnica e nel dribbling i suoi punti di forza, unendoli ad un'importante rapidità. Firenze ha la sua nuova freccia?