Commenta per primo

A tre mesi dal cambio societario a Bologna non è ancora arrivato il sereno. I giocatori accusano ritardi nei pagamenti e i tifosi cominciano a temere l'ennesima rivoluzione.

Il presidente però si dice tranquillo: "Non ci sono emergenze e non subiremo penalizzazioni in classifica. I ritardi nei pagamenti? Li onoreremo senza vendere giocatori".