Commenta per primo
Ecco le parole di Gianluca Festa in vista dell'importante match di domani contro la Juventus, che vale le ultime speranze di salvezza per il suo Cagliari: "Sarà bello giocare con uno stadio pieno e aperto in ogni settore. Loro hanno una squadra molto forte e, come noi, vorranno vincere la partita. Andiamo a confrontarci con i più bravi e la partita ci dirà che valore abbiamo. Il Cagliari domani dovrà giocare all'attacco, con grande rispetto per una squadra fortissima, che nessuno ha battuto in casa. Noi però abbiamo motivazioni fortissime che intendiamo far valere. Parma? Abbiamo giocato una grande partita sapendo che non ci avrebbero regalato nulla. Abbiamo capito che possiamo esprimere un buon calcio ed essere competitivi. M'Poku? Non dico in anticipo chi sarà il suo sostituto, posso solo dire che manterremo la formazione con il trequartista. Mi dispiace aver perso due interpreti importanti come M'Poku e Dessena per un giallo, ma è difficile che due giocatori generosi come loro riescano a trattenersi in campo. Sau? Sta bene, ma non so se giocherà. A prescindere da chi scenderà in campo, penso che qualsiasi giocatore avrà grandi motivazioni ad affrontare la Juve. Motivazioni e concentrazione servono sempre e a prescindere, in particolare nelle palle da fermo. Noi ci stiamo lavorando in allenamento, ma poi dipende molto dai calciatori. Farias e Cop? Sono molto soddisfatto del loro rendimento. Stanno segnando e hanno un'ottima intesa. Ho visto una squadra abbastanza spensierata. Non possiamo giocare in base alle emozioni del momento, bisogna avere un giusto equilibrio, che si vinca o si perda. Non possiamo disperdere energie in altre cose. Salvezza? Quella parola non voglio pronunciarla, pensiamo solo a giocare. Se resterei in B? E' una cosa a cui non penso ora e non chiedetemela. Ora penso solo che dovrò giocare contro una grande squadra e in uno stadio fantastico".