Fiorentina-Cagliari 0-1

Cragno 6: nato a Compiobbi, pochi chilometri distante da Firenze, e cresciuto nella squadra fiorentina della Cattolica Virtus, l’estremo difensore sardo si gioca la salvezza nello stadio della sua città. Le incombenze, oggi, sono state davvero poche.

Faragò 6: terzino per l’occasione, data la difesa ‘a quattro’, contiene i diretti avversari. Scelta azzeccata da parte di Lopez.

Pisacane 6,5: nella prima frazione, insieme a Ceppitelli, annienta Simeone. Dopo l'ingresso di Falcinelli, il compito raddoppia ma la sostanza non cambia.

Ceppitelli 6,5: brividi, al 28’, quando rischia l’autogol. Prova solida, prende in consegna i due attaccanti viola e impedisce loro di rendersi attivi.

Lykogiannis 6: gioie e dolori, da controlli sbagliati a discese e palloni pericolosi. Il suo fisico fa la differenza, soprattutto nelle mischie.

Barella 5,5: non lascia il segno, fa girare qualche pallone ma va in difficoltà difensivamente. Prende anche un cartellino giallo.

Ionita 6: tanta sostanza, così come corsa. Porta qualcosa a entrambe le fasi: non si mostra come il più appariscente, risultando però prezioso.

(dal 69’ Pedro 6: torna in campo dopo la squalifica. Pochi minuti dopo il suo ingresso, serve un invitante pallone per Farias, che spreca malamente)

Padoin 6: fa valere le sue doti nel centrocampo. Mette i brividi, al 68’, con una conclusione che termina alta.

Deiola 6: non è il più puro dei trequartisti, nel secondo tempo arretra a schermo davanti alla difesa, aiutando Barella. Prova sufficiente, non disdegna.

(dall'85' Andreolli s.v.: dentro un difensore puro per

Farias 5,5: a tratti una insidia. Al 12’ è pericoloso con una discesa, sventata da Laurini; al 49’, invece, colpisce una traversa incredibile, di testa, da pochi passi, ma riesce a fare peggio al 73’, quando calcia fuori dallo specchio da posizione più che invitante. Sbaglia troppo, tenendo aperta la gara.

(dall'88' Dessena s.v.: entra per dare maggiore densità alla fase difensiva nei minuti finali)

Pavoletti 6,5: il dodicesimo gol in stagione vale tre punti importantissimi. Incornata vincente, Pavolosa.

All. Lopez 6: Romagna recupera ma va in panchina, Faragò scala terzino e i sardi passano alla difesa ‘a quattro’, con Padoin nei tre di centrocampo. La sua squadra incarta la Fiorentina nella prima frazione, dopo pochi minuti di sofferenza, trovando il vantaggio con Pavoletti. Vittoria fondamentale, ma non è ancora finita.