3
Il Napoli di oggi è una squadra che cerca certezze. Il primo passo è stato la vittoria sul Sassuolo. Allontanare pressioni e tensioni. Benitez vuole fare altrettanto giovedì in Europa League vincendo contro lo Slovan Bratislava. Mini ciclo vincente, il modo migliore per allontanare la crisi e anche le voci di esonero del tecnico, che pure non sono mancate. Da chi siederà sulla panchina del Napoli dipenderà il prossimo mercato di gennaio, ma per Aurelio De Laurentiis e il d.s. Riccardo Bigon Benitez non si tocca. Non ci sono dubbi. Però una sequenza di risultati disastrosi potevano portare a decisioni sofferte.

POCHI SOLDI - Messo da parte questo pericolo, il direttore sportivo azzurro comincia a predisporre gli interventi da fare a gennaio. Al momento non si prevedono grossi budget da investire, e molto dipenderà da come si troverà la squadra in classifica. Però si sa già dove si dovrà intervenire: la difesa, e in particolare la coppia di centrali, sono già sotto osservazione. Koulibaly e Albiol, ma soprattutto le loro alternative.

PRIMO RIMPIANTO - Henrique non gode della massima fiducia di Benitez (che preferisce metterlo sulla fascia destra) e Britos è stato spostato quasi ufficialmente nel ruolo di terzino sinistro. Praticamente i difensori centrali di ruolo sono due e mezzo. Un centrale, quindi, che possa dare fiato ai due titolari. Si rimpiange Fernandez, la cui partenza è stata sottovalutata. Il Napoli ha già il primo obiettivo nel mirino: per i nomi c’è tempo, ma di certo non saranno altisonanti.