Commenta per primo
I trasferimenti dei calciatori non sono finiti! Antonio Cassano e tanti altri professionisti sono ancora in cerca di ingaggio. Ma in quali mercati? E' ancora possibile essere tesserarli in Italia? Calciomercato.com lo ha chiesto all'Avv. Jean-Christophe Cataliotti, Agente FIFA e titolare dei corsi di Reggio Emilia per aspiranti osservatori e intermediari (per info si rimanda al sito www.footballworkshop.it).

Quanto al primo interrogativo, va evidenziato che la finestra di mercato in Italia si è chiusa - come noto - lunedì 2 febbraio 2015. Seppure quasi in tutta Europa i mercati si siano ormai conclusi, in diverse altre Federazioni sono, tuttavia, ancora possibili i trasferimenti dei calciatori in quanto i calendari dei campionati hanno date diverse rispetto al nostro e, di conseguenza, anche i relativi periodi di tesseramento.
Va specificato che la cessione di un contratto - cioè la vendita di un calciatore già tesserato per altra società - non è realizzabile verso una società che milita in un campionato in cui la finestra di mercato sia già stata chiusa. Le società di calcio e gli agenti dei calciatori dovranno, pertanto, individuare i campionati in cui siano ancora possibili i trasferimenti per poter "piazzare" i loro calciatori. Stando vicini all'Italia, gli operatori di mercato potrebbero strizzare l'occhio alla vicina Svizzera, il cui calciomercato chiuderà i battenti a metà febbraio. Altrimenti potranno essere considerati altri campionati per mettere a segno gli ultimi colpi di mercato, quali, ad esempio, quello argentino (chiude l'11 febbraio), quello russo (chiude il 24 febbraio) o ancora quello, sempre più gettonato, nordamericano (chiude il 15 aprile). 

Rimane aperta la seconda domanda: un calciatore professionista svincolato - come nel caso di Cassano svincolatosi dal Parma a seguito di una risoluzione consensuale - può ancora trovare squadra in Italia? La risposta è affermativa, tanto che - come riportano le cronache di mercato - sarebbe in atto una trattativa con il Bari per riportare il calciatore nella sua città natia. Ma è bene sottolineare che anche per i calciatori svincolati esiste un termine perentorio entro il quale gli stessi calciatori devono trovare un nuovo ingaggio in Italia, vale a dire entro la fine del mese corrente. Da aggiungere che ogni società professionista può tesserare entro il termine suddetto solo due calciatori in regime di svincolo