1
Il ghiaccio è rotto e, malgrado manchi ancora tanto al calcio d'inizio della Serie B, di fatto la stagione del Catania è ufficialmente cominciata. A spianare da subito la strada è stata quella presentazione della campagna abbonamenti che ha dato vita ad un abbraccio tra tifosi e società tanto emozionante quanto, forse, inaspettato. Si, perchè in realtà nemmeno il Presidente Pulvirenti si attendeva probabilmente di ricevere tanti applausi, che invece sono arrivati a ripetizione e dosati nel modo giusto, scandendo tutto ciò che arrivava direttamente dalla bocca del numero uno della società rossazzurra. L'input che si attendeva è arrivato e non dipende certamente solo da quel 'ripartiAmo' che tutti speravano diventasse lo slogan della prossima annata calcistica.

Hanno convinto i propositi della società, che di certo nella scorsa stagione ha commesso tanti errori, e come ha ammesso lo stesso Presidente sono stati pagati a caro prezzo. Dire 'ho sbagliato' nella vita però vale ancora qualcosa e questo è avvenuto e se, in fondo, tutto si ripercuote su una sola stagione si può anche pensare che si possa mettere un punto. Il campo dirà tutto e chiarirà se si è davvero imparato da ciò che si è sbagliato nella scorsa stagione, ma la determinazione e i concetti espressi nelle scorse ore danno parecchio coraggio a tutto l'ambiente. Non si può dire poi che i prezzi della campagna abbonamenti non abbiano fatto intendere che si voglia fare di tutto per avere i tifosi allo stadio, anche se è chiaro che in questo momento pure una piccola somma potrebbe comunque incidere sulle tasche di chiunque.
Rimarrà solo chi non ha espresso il minimo dubbio su questa squadra, questa è la certezza che più di tutte ha lasciato intendere ai tifosi che ci sia il desiderio di puntare innanzitutto sulle potenzialità morali del singolo atleta. E' una volontà ferma della dirigenza rossazzurra, che ha promesso ai propri sostenitori di non voler più cadere nella tentazione di trattenere a forza qualcuno solo per i suoi trascorsi a Catania o per il valore tecnico che potrebbe ancora esprimere. Se poi tutto questo si sposa con il desiderio di aggiungere alla rosa nuove forze che abbiano la giusta esperienza nel campionato di B, come sta davvero accadendo, i presupposti per una stagione da protagonista ci sono davvero tutti. Il Catania sarà la squadra da battere, la società rossazzurra vuole davvero che sia così e dà l'idea di aver intrapreso una strada che va proprio in questa direzione. Ora bisogna solo lavorare, facendo capire da subito a chi andrà in campo che il progetto non si fonderà solo su quello che si farà in estate, ma durerà un anno intero.