87
Al via la terza giornata della fase a gironi di Champions League, oltre a Inter-Sheriff Tiraspol e Porto-Milan si giocano oggi altre sei gare. Si parte alle 18.45, nel gruppo A il Manchester City di Guardiola travolge il Bruges a domicilio: 1-5 con la doppietta di Mahrez e il gol del baby prodigio Palmer, per un successo che vale il sorpasso degli inglesi ai belgi. Nel gruppo C Besitkas e Sporting cercano i primi punti in questa edizione: la spuntano nettamente i portoghesi che vincono 4-1, doppietta di testa per il difensore uruguaiano Coates.

Alle 21 gli altri incontri: per completare il gruppo A il PSG, senza Icardi per le sue vicende personali e con Navas preferito a Donnarumma, il primato battendo il Lipsia in un pirotecnico 3-2: Mbappé porta avanti i padroni di casa, ma l'ex Milan André SIlva e Mukiele ribaltano il risultato. E allora, si scatena Leo Messi: l'argentino prima pareggia i conti, poi si presenta sul dischetto e con il cucchiaio firma la doppietta personale e la vittoria per il PSG, cui non fa male l'altro rigore calciato e sbagliato da Mbappé nel finale.

Nel gruppo B, quello del Milan, il Liverpool piazza il colpo in casa dell'Atletico Madrid. I Reds partono subito forte e nel giro di 13' sono avanti 0-2 con Salah e Keita, ma i Colchoneros reagiscono e grazie alla doppietta di Griezmann pareggiano già prima dell'intervallo. Nella ripresa però proprio il francese si fa espellere per un brutto intervento a gamba alta sul volto di Firmino, il Liverpool trova il gol vittoria su rigore ancora con Salah mentre il VAR toglie un penalty assegnato erroneamente all'Atletico.

Completa il gruppo C lo scontro diretto tra Ajax e Borussia Dortmund, entrambe a punteggio pieno dopo le prime due giornate: 4-0 perentorio dei padroni di casa, che si prendono la vetta solitaria.

Infine nel gruppo D, il Real Madrid approfitta della vittoria dell'Inter e aggancia lo Sheriff in vetta. A Kiev, Ancelotti rifila un secco 5-0 allo Shakhtar Donetsk di De Zerbi: sblocca il goffo autogol di Kryvtsov, poi doppietta di Vinicius e le reti di Rodrygo e Benzema per arrotondare.