53
Riparte la Champions League con la quarta giornata della fase a gironi e si parte con due partite alle 18.55. Nel gruppo F il Barcellona, imbattuto nei primi tre turni, si inceppa contro lo Slavia Praga e non va oltre lo 0-0 al Camp Nou: un gol annullato per parte per fuorigioco (a Sivcek per i cechi, a Griezmann per i padroni di casa), un clamoroso incrocio dei pali colpito da Messi e tante parate del portiere ospite Kolar. Il risultato non si sblocca ed è solo pareggio, un risultato importante per gli equilibri del gruppo: il Barça sale a 8 punti, lo Slavia Praga a 2.

Non sbaglia invece in trasferta l'RB Lipsia, che consolida il primato girone G: i tedeschi superano lo Zenit 2-0 con le reti di Demme e Sabitzer.

Alle 21, oltre a Dortmund-Inter e Napoli-Salisburgo, altre quattro partite. Nel girone E, quello degli azzurri di Ancelotti, il Liverpool si prende la vetta della classifica e lo fa superando 2-1 il Genk ultimo in classifica, grazie alle reti di Wijnaldum e Alexander-Arnold.

Nel girone G, quello di Lipsia e Zenit, il Lione allunga al secondo posto battendo 3-1 il Benfica

Pari e festa di gol nello scontro diretto tra Chelsea e Ajax per la testa del gruppo H: 4-4, due autoreti dei Blues spianano la strada agli olandesi che nei venti minuti finali restano in 9 per le espulsioni di Blind e Veltman e si fanno riprendere. Ne appriftta il Valencia: 4-1 in rimonta al Lille, con una prodezza dell'ex interista Kondogbia.