Commenta per primo
Olivier Giroud, attaccante del Chelsea, ha concesso un'intervista a Le Pelerin, durante la quale si è sfogato per lo scarso utilizzo di queste prime settimane con i Blues: "Se accetto tutto questo? Non lo accetto. In certe situazioni non devi essere fatalista. Sono sempre stato umile e rispettoso e anche se non sono d’accordo non critico il mio allenatore. Dentro di me però non posso accettare questa situazione, so quanto valgo in campo. L’anno scorso, quando sentivo di giocare, ho chiesto spiegazioni al precedente tecnico”.

SULL'ADDIO ALL'ARSENAL - “Non è stato facile, ho amato l’Arsenal. Volevo fare un passo in avanti perché il Chelsea è la squadra inglese che insieme al Manchester City ha vinto di più nel corso degli ultimi dieci anni. Ho avuto rivali in attacco come Morata e Higuain che alla fine sono andati via e alla fine è andata anche bene perché ho giocato una finale di FA Cup ed una di Europa League”.

MAI ARRENDERSI - “Ancora una volta ho iniziato la stagione tra tante difficoltà. Mio fratello mi dice sempre che sono cresciuto affrontando le avversità, ma mi piacerebbe che ce ne fossero di meno”.