Commenta per primo

Fuori dall'equivoco. Oggi il Chievo non ha un bomber. Pardon, un nuovo bomber. In questi ultimi tempi in molti si sono esercitati nella ricerca del nuovo Pellissier. Che ancora non c'è. Che non è stato trovato. Demeriti della società? Grandezza dell'attaccante? Sublimando l'attesa, nasce una certezza: Pellissier deve giocare. Sempre.

E' il più vivo degli attaccanti gialloblù. Mette esperienza e velocità al servizio della causa. Il momento è infelice. Pellissier resta una delle poche certezze da vedere in campo. Inutile pensare ad altro. La società della Diga non è riuscita a reperire ancora un giocatore che sia in grado di prendere tra le mani il testimone di Pelobomber.
 
Sempre che Pellissier abbia voglia di cedere il suo posto. Perchè, e questa è una sacrosanta verità, Sergio in estate sembrava essere finito, per un attimo lontano dal mondo Chievo. Ma oggi ne rappresenta ancora i lati più belli. Paloschi non è maturato del tutto. E deve affrettarsi. Thereau non è un attaccante. E questa è storia antica. Tutti gli altri stanno a guardare. E Sergio resta dunque giocatore dal quale Sannino non dovrebbe prescindere. Per la salvezza. Possibile. Oggi. Più avanti chissà...