Commenta per primo

Partita strana al 'Menti' di Castellammare di Stabia dove, alla fine, la spunta la Juve Stabia di Braglia che, proprio in chiusura, riesce a rompere quello che per lunghi tratti è sembrato un incantesimo. Sì perchè, dopo un predominio territoriale durato tutto un tempo, il Lanciano passa con un colpo di testa di Turchi che sorprende Nocchi alla mezz'ora. La Juve Stabia spreca e troppo. Fino al 78', quando il cross di Baldanzeddu viene raccolto da Danilevicius che sale a colpire di testa e rimette la gara in equilibrio. Le vespe restano in dieci per l'espulsione ingenua di Baldanzeddu e il Lanciano prova ancora ad approfittarne ma la Juve Stabia ha carattere da vendere e, al 90', passa. Sfruttando l'errore di Scrosta, fatale. L'appoggio a Leali, infatti, è talmente morbido da favorire l'intervento di Caserta, palla che finisce ad Improta che infila il 2-1.

JUVE STABIA

L’attaccante della Juve Stabia, Riccardo Improta: ‘Sono giovane e segnare un gol in serie B a soli diciotto anni è una gioia immensa. Per questo ho esultato, ma non per questo credo di aver mai disonorato la maglia del Lanciano. La palla mi e rimasta un po’ troppo sotto per questo ho aspettato qualche secondo prima di calciare in porta. Sono riuscito a metterla proprio sotto la traversa. Mi è andata bene’.

VIRTUS LANCIANO

L’allenatore del Lanciano, Carmine Gautieri: ‘Per 80 minuti abbiamo tenuto testa ad una squadra importante. Abbiamo giocato e siamo passati in vantaggio quando la Juve Stabia stava attaccando e siamo riusciti a non subire sui calci piazzati. Abbiamo perso su un erroraccio. Perdere di misura su un campo cosi difficile è già un fatto positivo e possiamo essere soddisfatti, ma dobbiamo essere più bravi in certe situazioni. Oggi, poi, mancavano diversi giocatori importanti’.