Commenta per primo

Partita piena di emozioni al 'Braglia': 3-3 il risultato finale con il Modena che si fa rimontare due volte. Subito in vantaggio i padroni di casa: al 5’ cross di Nardini dalla destra, salta più in alto di tutti Ardemagni che di testa deposita la palla in fondo alla rete di Cordaz. Ancora Modena per i primi 25 minuti, con Stanco e Lazarevic che ci provano, ma manca la precisione. Gli ospiti rispondono al 40’ quando, su assist di Minesso, Pellizzer costringe Colombi alla prodezza. Ripresa con il Cittadella a trazione anteriore, ma sono i canarini a raddoppiare: al 64’ Mazzarani calcia dal limite una punizione da manuale del calcio, barriera saltata, e palla nell’angolo alla destra dell’immobile Corda. I veneti però non ci stanno: al 70' Gasparetto segna il gol dell’ex, poco dopo, su una corta respinta in area canarina, è il destro di Di Nardo a bucare l’incolpevole Colombi. Ma non è finita: al 75' Pagano riporta in vantaggio i gialloblù, cinque minuti più tardi, però, è Sosa a raccogliere la ribattuta di Colombi e depositare in rete la palla del definitivo 3-3.

MODENA

Il centrocampista del Modena, Andrea Mazzarani: ‘A parte il mio gol, oggi dobbiamo pensare tutti quanti a cosa è successo in campo. Dobbiamo solo ritrovare noi stessi, e andare avanti, questo è uno sport dove dobbiamo divertirci e non avere paura di vincere le partite. Dobbiamo reagire, ritrovarci, stando insieme, parlandoci durante gli allenamenti. Ma la cosa fondamentale, in questo momento, è restare calmi, senza guardare la classifica’.

CITTADELLA

Il difensore del Cittadella, Daniele Gasparetto: ‘Mi fa piacere esser tornato a Modena ed esser uscito dal campo tra gli applausi, dopo aver segnato un gol: mi ha fatto capire che la gente mi ricorda ancora. Credo che il Modena abbia risentito anche della gara di mercoledì e del campo pesante, e quindi sono calati nella ripresa; noi siamo stati bravi da parte nostra a recuperare il 2-0 e a non abbatterci. Anzi potevamo portare a casa i tre punti, perché abbiamo fatto una buona partita'.