Commenta per primo

Brutta sconfitta casalinga per il Prato, che perde anche con l'Andria e sciupa così l'ultima chance di salvarsi senza passare dai playout. A partire meglio sono sicuramente gli ospiti, che al 23' trovano il vantaggio grazie ad una punizione chiurgica battuta da Giorgino dal limite dell'area. La rete subita storidisce i lanieri che non trovano la reazione e chiudono il primo tempo senza mai tirare in porta. Decisamente diverso l'approccio dei toscani nella ripresa, che partono a mille ma falliscono la più ghiotta palla gol dell'incontro dopo soli 4' con Essabr. A nulla serve il forcing poco convincente dei successivi 40', chiusi dalla rete di Sy che in contropiede sigla lo 0-2 e condanna i lanieri alla quarta sconfitta consecutiva. Inutile il gol di Cesarini al 90' che fissa l'1-2 finale: Prato e Andria si giocheranno la salvezza ai playout

PRATO

L'allenatore del Prato, Vincenzo Esposito: 'Epilogo amaro e sofferto. Non siamo stati capaci di invertire il trend negativo delle ultime giornate ed evitare questi playout che, è giusto dirlo, ci siamo meritati. Siamo molto dispiaciuti per aver perso questa occasione, chiaramente volevamo e pensavamo di centrare la salvezza. Le partite come quella di oggi sono le più difficili, perchè pensi di giocare contro un avversario che non ha motivazioni, e che invece gioca con la testa libera dal pensiero di dover fare per forza risultato. La squadra sta attraversando un momento di difficoltà, sopratutto a livello mentale. Alcuni elementi sono stati schiacciati da questa classifica e non hanno reso come avrebbero potuto. Adesso dobbiamo solo pensare ai playout: ci faremo trovare pronti e agguerriti per centrare il nostro obiettivo'.

ANDRIA

Il mister dell'Andria, Vincenzo Cosco: 'Sono molto dispiaciuto per aver condannato il Prato agli spareggi, lo dico sinceramente. Una squadra con il potenziale offensivo dei toscani avrebbe dovuto centrare la salvezza molto prima dell'ultima giornata, ma questa è la legge dello sport. Per quanto ci riguarda, dopo un'annata di grande sofferenza, dovevamo dare un segnale importante in vista dei playout. Oggi abbiamo fatto una grande partita dal punto di vista tecnico tattico, concreti in attacco e quadrati in difesa. Se c'è una cosa che non mi è piaciuta è il fatto di non aver sfruttato a dovere le ripartenze nel secondo tempo: il 2-0 è stato un episodio fortunato, avremmo dovuto arrivarci molto prima'.