Pareggiano 1-1 Sassuolo e Udinese a Reggio Emilia, al termine di una partita che lascia insoddisfatti soprattutto i padroni di casa. L'Udinese, al contrario, viste le difficoltà attraversate nell'ultimo periodo e il conseguente arrivo in panchina di De Canio, esce dal campo col sorriso, intascandosi un bel punticino. I bianconeri passano in vantaggio all'8' con Zapata che, sotto porta, è puntuale ad appoggiare in rete il cross preciso di Widmer in contropiede. Protestano i giocatori del Sassuolo per un presunto fallo non fischiato ai danni di Politano. Ci provano i neroverdi al 26' quando Defrel dal limite dell'area serve Pellegrini in corsa, ma il destro del giovane centrocampista viene respinto dalla difesa. Appena dopo l'ingresso in campo di Terranova, al posto dell'infortunato Antei, l'Udinese sfiora il raddoppio al 38': sullo stacco di testa di Felipe, Consigli si supera. Ancora pericolosissimi prima dell'intervallo con Widmer, i bianconeri trovano di nuovo un super Consigli sulla loro strada. Nella ripresa, bisogna aspettare il 56' per vedere qualcosa d'interessante, ed è ancora da parte dell'Udinese, che con un'azione fotocopia del gol (Widmer-Zapata) manca di nuovo il raddoppio. E così arriva inaspettatamente il pareggio dei neroverdi al 64', grazie a uno stacco di testa di Politano su un bel cross dalla sinistra di Peluso. I padroni di casa premono ma, nonostante l'ingresso nel finale di Berardi, non riescono a ribaltare il risultato.

SASSUOLO

Il centrocampista del Sassuolo, Lorenzo Pellegrini: "Hanno messo la partita sul piano fisico e noi siamo andati un po' in difficoltà nel primo tempo. Poi, all'intervallo, il mister ci ha detto che dovevamo essere più cattivi se volevamo ribaltare il risultato. Guardo la realtà: fino al 64' eravamo sotto, quindi il punto guadagnato ce lo teniamo bello stretto, anche se non è troppo soddisfacente". UDINESE

L'attaccante dell'Udinese, Duvan Zapata: "Il merito è di tutti. Certamente sono contento per il mio sesto gol, ma oggi l'importante era non perdere. Ora dobbiamo fare una grande partita contro il Napoli. Sì, all'andata non ho potuto giocare: è per questo che per me sarà una gara ancora più sentita".