Commenta per primo
Ci siamo! Domani vedremo ufficialmente di che pasta è fatto il nuovo Crotone. Così su due piedi non sono tanto pessimista, certo ci sono scommesse da valutare, ma se questi manterrebbero le promesse allora sono certo che arriverebbe una salvezza più che tranquilla per gli uomini di Stroppa. Mi riferisco soprattutto a Magallan, Vulic ed Eduardo, tre elementi arrivati in pompa magna che, stando alle prime indicazioni, partiranno titolare nella formazione base del mister. Peccato che nelle prime uscite non ci sarà Vulic, ancora indietro fisicamente, colui che a mio avviso può dare maggiori soddisfazioni tra i tre.
 
A dirla tutta, però, credo che per una salvezza tranquilla ci sia bisogno ancora di qualche piccolo ritocco, penso soprattutto ad un difensore di esperienza, possibilmente italiano, come ad esempio uno tra Andreolli e Raggi, due svincolati di lusso, uno di loro potrebbe far molto comodo a Stroppa, soprattutto l’ex Inter. Il centrocampo con l’arrivo di Cigarini credo sia al momento il reparto più pronto per la massima serie, considerando i già citati Vulic ed Eduardo, che seppure giovani hanno già esperienza anche a livello internazionale, oltre ai protagonisti dello scorso anno Benali, Crociata e Zanellato, mi soffermo su quest’ultimo perché già in passato ne ho elogiato le qualità e lo ribadisco ora, ha tutti numeri per diventare un grande centrocampista, se trova continuità sarà difficile togliergli la maglia da titolare. Mi piace il nome di Santon sulla corsia esterna, con Rispoli formerebbe una straordinaria coppia capace di alternarsi da destra a sinistra senza problemi. E davanti? Beh il reparto offensivo sulla carta sembra completo, Simy e Riviere danno ampie sicurezze, il francese potrebbe rivelarsi più di una semplice alternativa a Simy, ha tutti i mezzi per essere protagonista in Serie A, poi ci sono la rivelazione Messias e l’incognita Dragus, giovane di grande prospettiva dotato di una tecnica straordinaria. Però. Però, sembra che la dirigenza sia alla ricerca del grande nome, quello capace di scaldare la piazza. Raffreddatasi la pista Balotelli, ora il nome più in auge sembra essere quello di Alexander Pato, il “papero” vuole tornare in Italia e sarebbe disposto anche a lottare per la salvezza e, di conseguenza, rinunciare a qualche milione di euro.
 
Insomma, sogni a parte, credo alla lunga la famiglia Vrenna, con l’esperto Peppe Ursino, riuscirà a salvare la squadra nonostante al momento parta tra le maggiori candidate alla retrocessione: penultima secondo i maggiori bookmakers davanti soltanto allo Spezia. Una quotazione alta che mi stuzzica, certo bisognerebbe puntare cifre elevate per vincere qualcosa d’importante, ma non sono un giocatore d’azzardo e non amo il rischio, perciò mi accontenterò di poco.