(ENGLISH VERSION)

"Se io vado a fondo, è un fallimento di tutti". Sono queste le parole che Frank de Boer (molto arrabbiato) avrebbe detto alla squadra ieri, alla ripresa degli allenamenti all'indomani della seconda figuraccia in Europa League a Praga contro lo Sparta. Secondo Tuttosport, l'olandese ha inchiodato ognuno alle proprie responsabilità, dato che un allenatore (Mancini) è già stato cambiato e la squadra non ha più alibi di cui potersi avvalere. De Boer ha chiesto ai giocatori dell'Inter una reazione analoga a quella avuta dopo il ko con l'Hapoel Be'er Sheva, una prova di carattere che è fruttata il successo sulla Juve: l'olandese vuole il bis domenica sera a Roma. 

SOCIETA' - Ieri i vertici del club nerazzurro erano tutti alla Pinetina per gestire al meglio questo momento delicato. Come scrive la Gazzetta dello Sport, niente drammi, ma de Boer è stato di fatto invitato con decisione dal vicepresidente Javier Zanetti e dal direttore sportivo Piero Ausilio a bloccare ogni tipo di turnover anche in Coppa. Il club non concede alibi, a nessuno: il turno va passato, senza storie, e in questo senso sarà fondamentale fare quattro punti nelle prossime due gare, andata e ritorno contro gli inglesi del Southampton.