Calciomercato.com

Elogio ai vinti: con il West Ham come con l’Inter. Avviso ai vincitori: giocando così ci sarà da pentirsi di essere a Istanbul

Elogio ai vinti: con il West Ham come con l’Inter. Avviso ai vincitori: giocando così ci sarà da pentirsi di essere a Istanbul

  • Giancarlo Padovan
    Giancarlo Padovan
  • 284
Elogio ai vinti. Se, a Praga, la Fiorentina giocherà con il pressing della prima mezz’ora e l’intensità del secondo tempo esibiti contro l’Inter in Coppa Italia, non c’è dubbio che almeno una squadra italiana, quella viola per l’appunto, tornerà a casa con una Coppa europea. Che poi si tratti della Conference, poco importa. In questo momento la Fiorentina gioca un calcio spettacolare e collettivo che ieri notte avrebbe meritato di condurre l’esito della partita almeno ai supplementari.

Ascolta "Elogio ai vinti: con il West Ham come con l’Inter. Avviso ai vincitori: giocando così ci sarà da pentirsi di essere a Istanbul" su Spreaker.

Avviso ai vincitori. Se, a Istanbul, l’Inter eviterà di partecipare alla partita, come accaduto nei primi venti minuti e, una volta in vantaggio (ammesso che ci vada), si difenderà per l’intero secondo tempo, come accaduto a Roma, contro la Fiorentina, non rischia solo di perdere la finale di Champions League, ma di perderla talmente male da pentirsi di averla conquistata. La tattica della ripresa - amministrazione del pallone e qualche raro contropiede, peraltro fallito goffamente - ha riproposto l’Inter micragnosa e paurosa di tre mesi fa, quando molto, se non tutto, sembrava in discussione.

Se la finale di Coppa Italia è stata uno spettacolo, lo si deve ad Italiano che, purtroppo per lui e per i tifosi viola, non ha vinto. Simone Inzaghi, invece, ha portato a casa la Coppa alla sua maniera, cioè con un atteggiamento molto italianista. Da noi il tatticismo, magari condito da parate, salvataggi ed errori degli avversari, paga ancora. Seppur per poco, io credo. Il futuro e, soprattutto l’Europa, esigono altro. Lo dico nonostante tre italiane siano in finale. Tra poco sapremo chi per ventura e chi con merito.

Altre notizie